Morales costretto a lasciare,
vuoto di potere a La Paz

  Non si placano le tensioni in Bolivia dopo le dimissioni del presidente Evo Morales e l’asilo concessogli dal Messico, con il primo mandatario statunitense Donald Trump che ha parlato di «momento significativo per la democrazia». Negli ultimi giorni la capitale La Paz e la città di El Alto sono state al centro di ripetuti

Governo sulla graticola
per l’emergenza Ilva

  Ma che senso ha continuare a foraggiare un’azienda decotta e che oramai nessuno vuole solo per tirare a campare? Parliamo dell’ex-Ilva di Taranto. Scudo penale sì o scudo no, questo non è il vero problema. Arcelor-Mittal voleva una scusa che gli è stata prontamente presentata e poi il resto è fuffa… Il vero vulnus sono

Inseguiti e arrestati
due rapinatori in moto

  Due rapinatori di orologi Rolex, intercettati dalla polizia domenica mattina in Corso Francia, non si sono fermati all’alt e hanno tentato di fuggire. Ne è nato un inseguimento che è terminato quanto la grossa moto si è schiantata contro un’altra auto della polizia che sopraggiungeva. Arrestati due napoletani di 36 e 367 anni con

Ilaria Simeone,
Le Streghe

Nella sesta puntata della sua video rubrica dedicata alla lettura Antonio Saccà ci parla del libro di Ilaria Simeone Le Streghe edito da Neri Pozza.

Quella sorpresa
e quella gioia incontenibile

  Sono passati trent’anni dalla caduta del muro di Berlino. Era, infatti, il 9 novembre del 1989 quando, increduli ed impreparati potemmo assistere alle immagini di quello che aveva rappresentato la scissione, la divisione, del mondo in due blocchi. Seguimmo, trenta anni fa esatti, con trepidazione e curiosità, quello che succedeva in Germania. Potemmo cominciare

Kent Anderson,
Sole Verde

  Nel quinto appuntamento della sua video rubrica libraria Antonio Saccà ci parla del romanzo di Kent Andrerson Sole Verde pubblicato da Nutrimenti Editore.

Svelato il segreto
dei pomodori viola

  I pomodori in origine erano viola come le melanzane. Il colore rosso che siamo abituati a vedere e che ci aiuta a riconoscere il frutto maturo è stato causato da una modificazione genetica spontanea. Questo è l’interessante risultato, al quale sono giunte due distinte ricerche scientifiche, condotte contemporaneamente in Italia nel PlantLab dell’Istituto di

Alvin è tornato
dall’inferno dell’Isis

  Alvin è finalmente tornato a casa. E finalmente si è potuto riappropriare del suo nome. La madre, convertita all’Isis, dopo averlo rapito, portandolo con se in Siria, lo aveva anche privato del suo vero nome cambiandolo in Yussuf. Il bambino, di origine albanese ma che viveva in Italia, ha ora undici anni. Era il

Condanna definitiva
per Rodolfo Fiesoli

  È una notizia ufficiale che il fondatore della comunità per minori con problematiche sociali e familiari, dopo una breve latitanza si è costituito. Rodolfo Fiesoli si era reso assente dopo esser stato scarcerato precedentemente, ma severa e diretta è arrivata non più tardi di ieri la condanna definitiva della Cassazione per il fondatore della

Droga nei francobolli
al figlio in carcere

  Nascondono la droga per il figlio detenuto in carcere nei francobolli per le lettere. Accusati di spaccio i genitori del ragazzo, un ventisettenne novarese recluso nella casa circondariale di via Sforzesca. I francobolli sono stati trovati imbevuti di Lsd, da leccare prima di apporre sulle lettere da spedire. La vicenda è stata vagliata la

Gli invisibili abitanti
dei cunicoli della città

  Nel cuore di Roma, alla stazione Termini c’è una città nascosta abitata da gente senza nome e senza storia che vive nel degrado e nel degrado si nasconde. I cunicoli, i sotterranei costituiscono le loro case, i loro fortini. Sono i cosiddetti «invisibili», la sporcizia ed il cattivo odore segnalano la loro presenza, ed

«Falcone e Borsellino
vittime di incidenti sul lavoro»

  Con queste parole l’esponente dei Radicali Antonello Nicosia, intercettato da Gico e Ros, archivia le stragi di Capaci e di Palermo, aggiungendo anche: «Cambiamo nome all’aeroporto di Palermo». L’uomo è stato fermato, insieme ad altre quattro persone, la scorsa notte con l’accusa di associazione mafiosa nell’operazione denominata Passepartout. Nicosia era in viaggio con un