fbpx

Trump vuole un accordo
con Putin sul nucleare

Trump vuole un accordo con Putin sul nucleare

 

Stringere un nuovo accordo sul nucleare con Vladimir Putin entro il prossimo 3 novembre, giorno delle presidenziali Usa. Questo il nuovo piano messo a punto da Donald Trump, attuale inquilino della Casa Bianca, per guadagnarsi la conferma per altri quattro anni.

Verso un accordo Trump Putin sul nucleareStando a quanto riferito dalla stampa, i funzionari statunitensi da settimane sarebbero al lavoro per giungere ad un accordo nonostante i tempi siano molto rispetti.

Secondo il New York Post entrambi i leader avrebbero discusso in merito al controllo delle armi in una serie di telefonate negli ultimi sei mesi mentre i funzionari dei due paesi negoziavano in gran segreto a Vienna, sede dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica.

I negoziati avrebbero subito una forte accelerazione dopo che consigliere per la sicurezza nazionale Robert O’Brien ha incontrato il suo omologo russo, Nikolai Patrushev, a Ginevra il 2 ottobre, mentre l’inviato di Trump per il controllo delle armi, Marshall Billingslea, ha interrotto un viaggio in Asia per incontrare il viceministro degli esteri russo, Sergei Ryabkov, a Helsinki.

La Casa Bianca appare molto ottimista, convinta di aver raggiunto un accordo in linea di principio accettabile da Putin anche se da parte russa Rybakov ha avvisato che «ci sono ancora grandi differenze negli approcci, compresi gli elementi centrali di questo accordo».

Secondo il New York Times, per Trump sarebbe una grande vittoria negoziare un nuovo accordo nucleare con la Russia, anche in considerazione del fatto che l’eventuale vittoria di Biden non permetterebbe negoziati di questo tipo.

Rose Gottemoeller, il principale negoziatore degli Stati Uniti per il «Nuovo Start», ritiene che l’intesa potrebbe essere raggiunta questa settimana perché «i contorni ci sono già».

Il nuovo accordo in sostanza andrebbe a sostituire il Sort, che a sua volta nel 2002 ha preso il posto del trattato Start II, per la delimitazione degli arsenali nucleari di entrambi i paesi che scadrà il prossimo 5 febbraio.

Il presidente russo Putin preferirebbe prolungare questa intera per altri 5 anni ma Trump preferisce un nuovo accordo in grado di includere anche la Cina.

Fabrizio Di Ernesto

 

 

LE MOSSE DI TRUMP IN MEDIO ORIENTE

Trump si rafforza con la «pace di Abramo» del 16 settembre 2020

Il contentino di Trump ai «gentili» del 29 gennaio 2020