fbpx

«Né mafia né corruzione,
è la fine di un incubo»

L'ex sindaco di Roma Gianni Alemanno assolto in Cassazione

 

L’ex sindaco di Roma Gianni Alemanno, è stato assolto in Cassazione dall’accusa di corruzione nell’ambito di uno dei filoni dell’inchiesta «Mondo di mezzo». È stato invece stabilito un nuovo processo d’appello per l’accusa di traffico di influenze illecite.

L'ex sindaco di Roma Gianni Alemanno assolto in CassazioneIl Sostituto procuratore generale di Cassazione Perla Lori aveva chiesto la conferma della condanna a sei anni di reclusione per Alemanno. Il rappresentate dell’accusa aveva chiesto un nuovo processo di appello per quel che riguardava le pene accessorie e, in particolare, l’interdizione dai pubblici uffici: se la sentenza fosse stata confermata, Alemanno sarebbe finito in carcere.

Cala dunque il sipario su un’odissea giudiziaria. «Credo che questa sentenza ridimensioni una vicenda durata ben sette anni. Mi sono ritrovato – ha dichiarato Alemanno – prima mafioso e poi corrotto, adesso rimane un piccolo traffico di influenze che sarà la Corte di Appello a giudicare».