fbpx

Se «Fisco» non va a braccetto
con «rispetto»

Ancora non arriva la proroga delle scadenze fiscali del 30 giugno

 

È il 29 giugno e non è stata ufficializzata alcuna proroga per la scadenza delle imposte dirette di domani 30 giugno, sebbene sia stata richiesta da più parte e in primis dai commercialisti. Della tanto «millantata» collaborazione fisco/contribuente neppure l’ombra.

Gli uffici in affanno per gli appuntamenti, il canale telematico Civis insoddisfacente. Molti adempimenti inutili, forse pensati solo per fare cassa.

Ormai è un precipitare, sempre più in basso, in un rapporto cittadino/Stato. E non solo per «le tasse».

Eppure i professionisti competenti esistono, sono i Commercialisti, ma sono stati smembrati di ogni riserva, in nome della «libera concorrenza».

Alla base di tutte le scelte politiche è la disperata ricerca di consensi e ciò rende gli italiani sempre meno tutelati e sempre più scontenti e arrabbiati.

Le parole di Antonio Gigliotti, commercialista, direttore della rivista Fiscal Focus in una diretta su Facebook, sono una vigorosa sferzata: questo è il «Governo dei peggiori, fiscalmente parlando».

Intanto i contribuenti rimangono in attesa della proroga anche se arriverà nel giorno stesso della scadenza…

Ernesta Cambiotti

 

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email