fbpx
REGIONE UMBRIA

Un Piano dei Rifiuti vecchio
e in contrasto con il Pnrr

Il No dei Comitati al Piano dei Rifiuti della Regione Umbria

 

Non mollano i comitati ambientalisti umbri, presenti anche il 13 settembre davanti al Broletto, vera spina nel fianco per l’assessorato all’Ambiente della Regione Umbria e i suoi uffici.

Un cartello in ricordo dell'impegno per l'ambiente del prof. Amedeo Baldinucci recentemente scomparsoAl secondo appuntamento della conferenza di servizi, decisivo per la Valutazione Ambientale Strategica (Vas) relativa al nuovo piano regionale di gestione integrata dei rifiuti, erano presenti tutti i comitati, «volutamente» esclusi dalla partecipazione al confronto.

Si dice che l’Assessore Morroni abbia incontrato solamente le rappresentanze del Wwf, degli Amici della Terra e di Legambiente.

Il Piano dei Rifiuti sembra essere «vecchio», non in linea con i tempi, le conoscenze e le finalità di investimento legate al Pnrr e alla Transizione Ecologica.

Eppure la Regione Umbria andrà avanti, seppure, si spera, non ignorando le numerose osservazioni: 20 presentate dai Comuni e 40 dai Comitati.

La crisi energetica fornisce l’alibi e ha fretta di chiudere il capitolo Gestione dei Rifiuti, ma non sfugge che sconterà un prezzo molto alto in termini di ambiente e salute.

Discariche, inceneritori/termovalorizzatori e utilizzo di Css nei Cementifici, sicuramente non soddisfano il requisito della novità dell’economia circolare, quella vera, naturalmente.

Presenti alla manifestazione anche un gruppo di giovani. Saranno loro a scontare maggiormente la non lungimiranza della politica e della burocrazia, che si piega alle esigenze di pochi.

Tra i cartelloni e striscioni, non sono passati inosservati quelli dedicati a chi non c’è più, ma che tanto ha lottato per la tutela della salute pubblica e dell’ambiente come il prof. Amedeo Baldinucci presidente del «Comitato per la Tutela Ambientale della Conca Eugubina», nonché firmatario dei ricorsi contro l’utilizzo del Css Combustibile Solido Secondario nelle due cementerie eugubine, recentemente scomparso in seguito a un tragico incidente stradale su una strada nata già vecchia. Ma questa è un’altra storia…

Ernesta Cambiotti

 

LA BATTAGLIA DEI COMITATI

Il No dei cittadini a nuove industrie insalubri del 2 settembre 2022

 

 

Lascia un commento