fbpx

Gaetano Armao presenta
la strategia siciliana

Il vicepresidente della Regione Sicilia Gaetano Armao al Forum Beni confiscati ha illustrato il successo del progetto Verbumcaudo

 

Come utilizzare al meglio per le comunità cittadine i beni sequestrati alla malavita? A questo interrogativo si propone di rispondere il «Forum espositivo dei beni confiscati. Chiavi di accesso e valorizzazione» in svolgimento a Napoli dal 1 a 2 aprile. All’evento organizzato presso la Stazione Marittima dall’assessorato alla Sicurezza, Legalità ed Immigrazione della Regione Campania oltre al ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, partecipa il vicepresidente ed assessore all’Economia della Regione Sicilia Gaetano Armao.

Gaetano Armao con il governatore siciliano Nello Musumeci«La strategia Siciliana sui beni confiscati alla malavita – ha spiegato Gaetano Armao – è tra le prime e più strutturate programmazioni di settore.

Nella gestione dei beni confiscati il Governo Musumeci, come riconosciuto a livello nazionale, ha voltato pagina, a partire dal bene simbolo confiscato alla mafia e divenuto patrimonio produttivo dei siciliani: Verbumcaudo».

Il feudo di Verbumcaudo è una tenuta di ulivi, coltivazioni di grano, laghetti artificiali e caseggiati per complessivi 150 ettari di terreno nel Comune di Polizzi Generosa in provincia di Palermo. Dopo essere stata sequestra alla mafia l’area è stata affidata ad una cooperativa sociale per la messa in produzione.

Il tavolo di presidenza al Forum sui Beni confiscati di Napoli«A Verbumcaudo si è realizzato un intervento esemplare di rilancio economico tempestivamente presentato insieme ad altri progetti per il finanziamento del Pnrr» ha evidenziato in vicepresidente della Regione Sicilia – che ha poi illustrato i quattro progetti esecutivi di valorizzazione per oltre 18 milioni di euro presentati dall’Assessorato regionale all’economia nell’ambito della selezione di risorse Pnrr indetta dal Ministro della Coesione Mara Carfagna.

I 4 progetti della Regione Sicilia

  • Il feudo di Verbumcaudo Masseria Verbumcaudo Intervento di ristrutturazione e riqualificazione dell’immobile da destinare ad attività connesse all’agricoltura, laboratori per l’inserimento socio-lavorativo ed aula didattica (costo degli interventi € 5.304.582 e € 2.500.000).
  • Masseria Vecchia di Salemi. Progetto di ristrutturazione per la valorizzazione di un immobile confiscato alla criminalità organizzata sito in Salemi (TP) contrada Masseria Vecchia (costo dell’intervento € 2.008.769,36).
  • Palermo, Via degli Emiri. Interventi di manutenzione dell’Immobile di Via degli Emiri, attuale sede del Dipartimento delle attività produttive (costo dell’intervento € 5.850.000);
  • Palazzo Alicò a Palermo, sede del Dipartimento dei Beni Culturali e dell’identità siciliana, lavori di manutenzione straordinaria (costo dell’intervento € 2.500.00,00)

Oltre agli interventi dei rappresentanti istituzionali impegnati nella strategia nazionale e regionale di valorizzazione dei beni sequestrati alla malavita, il Forum ha presentato al pubblico i successi ottenuti con le buone prassi di ottimizzazione e riqualificazione a vantaggio della collettività dei patrimoni illecitamente accumulati dalla criminalità organizzata.

Filippo Virzì

 

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email