fbpx

Le fiamme di un N46
illuminano via Aurelia

Ancora un flambus venerdì notte in via Aurelia

 

Nella notte tra venerdì e sabato è andato a fuoco in via Aurelia nei pressi di piazza Irnerio un autobus della Linea notturna N46 dell’Atac. Nessun problema per le persone ma danni ad una pizzeria, ad alcune auto in sosta e all’asfalto della strada.

Dopo il flambus nella notte tra venerdì e sabato, la mattina si contano i danni in via AureliaLe fiamme si sono sviluppate mentre il mezzo si trovava all’altezza del civico n.400 di via Aurelia. L’autista accortosi delle fiamme è sceso e ha cercato invano di spegnere l’incendio con l’estintore. L’autobus ha continuato per inerzia il suo percorso per alcune decine di metri prima di arrestarsi contro le auto in sosta.

Il calore delle fiamme ha annerito le parti esterne di una pizzeria, mentre sono una decina le automobili danneggiate. Un’anziana donna che aveva respirato del fumo si è fatta accompagnare in ospedale dal 118 per accertamenti.

Il rumore di alcune esplosioni del flambus in via Aurelia ha svegliato diversi residenti. Uno di questi, la signora Michela, ha filmato l’autobus in fiamme dal suo balcone intorno alle 3.30.

I Vigili del Fuoco allertati dall’autista sono riusciti a spegnere l’incendio intorno alle cinque di mattina. Per verificare i danni e emettere in sicurezza la strada il tratto interessato di via Aurelia è stato chiuso al traffico per alcune ore. Deviate le Linee Atac 46 e 49.

Dall’Atac è arrivata la solita dichiarazione di routine sull’apertura di un’indagine interna per accertare le cause dell’incendio. In tutti i precedenti casi l’«inspiegabile» autocombustione degli autobus non è stata resa nota e tutto lascia supporre che anche sarà così anche per questo ennesimo flambus.

Marco Scauro

 

GLI ALTRI FLAMBUS

Quell’alta nube nera in piazza Pio XI del 23 ottobre 2020

Due bus Atac in fiamme in un solo giorno dell’11 agosto 2020

Invasa dal fumo e chiusa per quattro ore del 14 maggio 2020

Flambus non si arresta, ancora un mezzo in fiamme del 21 marzo 2020