fbpx

Rimpallo di responsabilità
tra Raggi e Zingaretti

Botta e risposta tra Raggi e Zingaretti per la questione cinghiali a Roma: il sindaco Virginia Raggi ieri ha presentato un esposto in procura contro la Regione Lazio guidata da Nicola Zingaretti.

I cinghiali a Roma fanno litigare Raggi e Zingaretti«La presenza massiccia e incontrollata di cinghiali in città – spiega la prima cittadina romana – è conseguenza della mancata previsione e/o attuazione da parte della Regione Lazio di efficaci piani di gestione.

Stando all’articolo 19 della legge nazionale 157/92 sono le Regioni a dover provvedere al controllo delle specie di fauna selvatica anche nelle zone vietate alla caccia».

Ma la Regione Lazio aveva già comunicato che «la responsabilità degli animali che si trovano fuori dai parchi è in capo ai comuni», aggiungendo che «spetta agli amministratori locali intervenire per contenere la presenza degli animali sulle strade e sul territorio cittadino al fine di salvaguardare la sicurezza della comunità».

Adesso, in piena campagna elettorale, il governatore del Lazio non si fa sfuggire l’occasione per punzecchiare l’esponente pentastellata.

Così, durante un comizio a sostegno del candidato del centrosinistra Roberto Gualtieri, ha lanciato una provocazione: «Evitate di mettervi le dita nel naso, fatelo per me, perché altrimenti Virginia Raggi direbbe che anche quello è colpa mia e della Regione».

Rincarando poi la dose: «Non c’è alcuno scontro istituzionale, ma una differenza di governo. Esiste una politica che crea i problemi, una che li cavalca e una che li vuole risolvere. Noi li vogliamo risolvere».

Intanto per la passeggiata di ieri un gruppo di cinghiali ha scelto l’imbocco della Galleria Giovanni Paolo II mentre un altro ha preferito restare la più tranquilla via Antonio Fava.

C.D.

 

 

PER LE STRADE DEL QUARTIERE

Un pericolo concreto per uomini e animali del 29 agosto 2021