fbpx

Un flop annunciato,
ma per colpa di chi?

Referendum Giustizia. Al voto soltanto il 20% degli elettori

 

I Referendum sulla Giustizia sono stati un fallimento generale e indiscutibile, se si guarda solo all’affluenza. O alla non-affluenza, se preferite. Il dato finale si è fermato appena al di sopra del 20 per cento. A enorme distanza, quindi, dal quorum del 50 per cento più uno che è necessario per dare validità alla consultazione.

Referendum Giustizia. Al voto soltanto il 20% degli elettoriLa cruda verità è questa. Ma per quanto smaccata, sul piano numerico, non chiude affatto la questione. Al contrario: la rilancia. Sia nel caso specifico, sia riguardo allo strumento del referendum.

Ne parleremo a più riprese. Oggi e nei prossimi giorni.

Cominciamo dall’accusa fondamentale. Erano davvero «troppo tecnici», i cinque quesiti sulla Giustizia?

Bisogna essere molto chiari, su questo punto: non lo erano certo per un capriccio di chi li ha proposti. Lo erano – lo sono – per forza di cose.

In Italia solo Referendum abrogativi

Qui in Italia, infatti, i referendum possono essere solo abrogativi (Art. 75 della Costituzione) e perciò non c’è scampo: devono indicare in dettaglio quali norme intendono cancellare. A volte delle leggi in blocco. Altre volte dei singoli passaggi. Citandoli per filo e per segno. Il resto viene da sé.

Primo: quelle norme sono scritte come sono scritte, usando un linguaggio prettamente giuridico. Secondo: non è consentito semplificarle utilizzando parole più semplici e immediate.

Il tecnicismo, quindi, non dipende dai promotori del referendum ma è imposto dal Legislatore. Le schede che verranno consegnate ai cittadini non possono essere strutturate altro che così. Roba da specialisti. O giù di là.

E indovinate un po’ chi dovrebbe essere, a dare un aiuto decisivo per superare queste difficoltà?

Nel silenzio dei grandi media

I media, ovviamente. In particolare quelli più diffusi e seguiti, a cominciare dalla Rai.

Sono loro che hanno il compito di aiutare i cittadini a comprendere il senso di quelle formule da giuristi. E, ancora prima, quello di suscitare interesse e coinvolgimento riguardo ai temi su cui si sarà chiamati a esprimersi.

Occhio, però: parlarne occasionalmente non basta. Bisogna tornarci a più riprese e in modo stimolante. Non è un compitino da sbrigare per togliersi l’impiccio e poi lavarsene le mani.

I professionisti della comunicazione lo sanno benissimo. E quando si astengono dal darci dentro, come in questo caso, non c’è alcun dubbio che la conclusione può essere solo una: lo hanno fatto di proposito. Per vanificare la consultazione di turno. E magari, peggio ancora, per togliere credibilità a questo strumento, potenzialmente straordinario, di democrazia diretta.

Dobbiamo averlo caro, invece. Noi cittadini che non siamo succubi del potere. Dobbiamo averlo caro e non dimenticarci mai che il referendum è una pianta preziosa e delicata: se non la «innaffi» con cura, e con assiduità, è destinata a seccarsi.

Gerardo Valentini

 

I QUESITI

Cinque Sì per una Giustizia giusta del 26 maggio 2021

 

 

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email