fbpx

Arriva la tutela dello Stato
per l’ambiente e gli animali

La tutela di ambiente e animali entra nella Costituzione Italiana

 

L’8 febbraio la Camera dei Deputati ha concluso l’iter per l’approvazione del Ddl di riforma costituzionale che sancisce la tutela dell’ambiente e degli animali.

La legge, dopo la promulgazione del Presidente della Repubblica, sarà pubblicata in Gazzetta Ufficiale e non potrà essere oggetto di referendum perché approvata dai 2/3 dei parlamentari in seconda convocazione.

L’articolo 9 è tra i 12 «fondamentali» che obbligano cittadini e organi di controllo al rispetto dei principi contenuti e incide direttamente sullo Statuto delle Regioni a Statuto Speciale e delle Province Autonome di Trento e di Bolzano in materia di tutela degli animali.

Il testo modificato così recita: «La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.

Tutela l’ambiente, la biodiversità e gli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni. La legge dello Stato disciplina i modi e le forme di tutela degli animali».

Fini sociali e tutela ambientale

Non solo, viene modificato anche l’art. 41 che sancisce che l’iniziativa economica privata non potrà più svolgersi in modo da danneggiare la salute e l’ambiente: «L’iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla salute, all’ambiente, alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana.

La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali e ambientali».

Quindi la salute e l’ambiente dovranno essere, primariamente, tutelati da parte dell’economia, come la libertà e la dignità umana.

Conseguentemente le leggi, i programmi e i controlli, delle Istituzioni, in tema di iniziativa economica pubblica e privata, saranno indirizzate non solo per fini sociali ma anche per quelli ambientali.

Esultano ambientalisti e animalisti, ma le norme recentemente introdotte in materia di semplificazione, non cozzeranno con i principi che la modifica alla Carta Costituzionale ha inequivocabilmente, sancito?

Ernesta Cambiotti

 

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email