fbpx

A gennaio il Governo
sapeva già tutto

Covid-19. Il Consiglio dei Ministri sapeva dell'epidemia in arrivo già a gennaio

 

Il Governo italiano già sapeva che l’epidemia di Covid-19 stava arrivando. E lo sapeva almeno dal 31 gennaio 2020, ossia quasi quaranta giorni prima dei provvedimenti adottati per il nord Italia, definita zona rossa. Lo testimonia la Delibera del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020, dove il Ministro della Salute Roberto Speranza si è visto costretto a dichiarare lo stato di emergenza nazionale a causa dei «rischi connessi ad agenti virali trasmissibili».

Nello specifico si sollecitavano «tutte le iniziative di carattere straordinario» sull’intero territorio nazionale vista l’impossibilità di fronteggiare la situazione con «mezzi e poteri ordinari», tanto che nella delibera stessa veniva «dichiarato per 6 mesi dalla data del presente provvedimento, lo stato di emergenza in conseguenza del rischio sanitario connesso all’insorgere a di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili».

Nelle ultime ore, infatti, la cittadinanza si era allarmata su un termine ultimo della Quarantena fissata al 31 luglio, esattamente sei mesi dalla proclamazione dello stato di emergenza. Ma il premier Conte ha smentito tutto in conferenza stampa.

In un momento di forte impegno sociale e istituzionale per debellare la pandemia da Covid-19 non c’è desiderio alcuno di creare polemica da parte di chicchessia, ma terminata l’emergenza qualcuno dovrà rispondere di questa leggerezza o mancanza di tempestività nell’applicare il provvedimento.

«Come si evince dalla Delibera del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020 — dichiara il coordinatore della Lega per Guidonia, Alessandro Messa — lo stato di emergenza è stato dichiarato sin da subito. Oltre tutto va considerato che dopo quel decreto è stato fatto anche il Festival di Sanremo e che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella è andato in visita, senza alcuna protezione, in una scuola multietnica, la Manin del quartiere Esquilino di Roma, nel cuore della Chinatown della Capitale appena cinque giorni più tardi.

Il ritardo, di quasi un mese e mezzo, con il quale il Governo ha iniziato ad adottare le prime misure dopo la dichiarazione dello stato di emergenza è imperdonabile. Mi attendo delle conseguenze penali ed un processo appena sarà terminata l’emergenza».

C.D.

 

 

GLI ALTRI ARTICOLI SULL’EPIDEMIA COVID-19

Tra calo del petrolio e crolle dei consumi del 24 marzo 2020

Avigan, una speranza in attesa del vaccino del 24 marzo 2020

Il Paese sta pagando gli sconsiderati tagli alla spesa del 23 marzo

Dal Palmeiras, lettera aperta agli italiani del 23 marzo 2020

Il nuovo decreto non c’è ma lo show di Conte va in onda del 22 marzo 2020

Il Prefetto chiama e l’esercito arriva del 20 marzo 2020

Più insidioso dell’isis, il virus sconvolge le nostre abitudini del 19 marzo 2020

Un decreto che non cura del 18 marzo 2020

#iorestoacasa ma c’è chi non può del 18 marzo 2020

L’amore litigarello, di questi tempi, non è bello del 18 marzo 2020

Distanti ma vicini, grazie alla Rete del 17 marzo 2020

Mentre #iorestoacasa gli altri che fanno? del 16 marzo 2020

Il virus come cortina di tornasole del paese del 15 marzo 2020

Presidente Bukele le esprimo la mia indignazione del 15 marzo 2020

Le cinque parole dell’emergenza sanitaria del 12 marzo 2020

Un decreto al giorno toglie il medico di torno del 12 marzo 2020

Decreto Conte, Pmi le altre vittime del 10 marzo 2020

#Iorestoacasa. Le misure del Decreto Conte del 10 marzo 2020

Elogio dell’autoisolamento del 8 marzo 2020

Il salto di specie del Coronavirus del 6 marzo 2020

La politica ai tempi del Coronavirus del 27 febbraio 2020

Come difendersi dal Coronavirus del 26 febbraio 2020