fbpx

Reati veri nella realtà virtuale:
nel Metaverso è già far west

Metaverso, la realtà virtuale di Facebook, è già un far west

 

C’è un dibattito acceso intorno al Metaverso, la realtà virtuale tridimensionale targata Facebook che viaggia sulla rete all’interno della quale ogni singolo abitante del pianeta può accedere e vivere in un mondo parallelo attraverso un avatar.

Metaverso, la realtà virtuale di Facebook, è già un far westPurtroppo, come ogni nuovo mondo, le regole sono blande e i controlli tutti da organizzare. Diverse le denunce, infatti, riguardo alla contraffazione dei prodotti industriali, come borse, scarpe ed altri accessori indossati sì da avatar, ma prodotti e commercializzati da aziende reali.

Analogamente le polizie di tutto il mondo hanno lanciato l’allarme riguardo ai caroselli di denaro sporco che, proprio grazie ai controlli inesistenti operanti nel Metaverso, bande criminali riescono a riciclare senza troppi problemi.

La legge applicata al Metaverso

Ma cosa accade se la popolazione indigena (avatar virtuali comandati da persone in carne e ossa nel mondo reale) offendono, molestano o addirittura uccidono altri avatar? È possibile applicare il codice penale «terrestre» per situazioni del genere che, nella realtà, non esistono?

Dopi i primi casi di violenza sessuale verificatisi in questo meta-mondo e denunciati lo scorso dicembre, questa nuova piattaforma è stata presa d’assalto da speculatori e pirati moderni che in essa trovano porto franco per ogni genere di attività.

L’opinione degli esperti sul tema

Se lo sono chiesti diversi esperti del settore, tra cui John Bandler, docente di sicurezza e criminalità informatica alla Elisabeth Haub School of Law di New York, in un’intervista rilasciata il mese scorso al The Sun.

Qui il docente ha espresso la sua opinione su tale delicata questione: in estrema sintesi, tutto si riduce alla formulazione delle leggi come sono attualmente scritte, cioè per proteggere «persone reali e viventi» e non pupazzi informatici proiettati in un ambiente tridimensionale.

La legge, in ultima battuta, non ha lo scopo di proteggere avatar o codici software, ovvero il Dna stesso del Metaverso. Di altro parere, invece, Greg Pryor, avvocato dello studio legale Reed Smith Llp: «Trolling, bullismo virtuale, minacce e comportamenti scorretti si verificano continuamente online. Non è una novità e accadrà anche nel Metaverso», ha dichiarato il legale.

«Ma se dico qualcosa di razzista o abuso di qualcuno in base alla sua razza, religione o sessualità, allora potenzialmente potrò essere perseguito».

Alessandro Alongi

 

 

DIGITALE IN CHIARO SCURO

Così l’Ue prova a regolare il mercato dei dati del 1 aprile 2022

Parlare in tutte le lingue? Meta ci prova del 25 marzo 2022

L’app Clearview al bando in Italia del 14 marzo 2022

Google va alla guerra, con il suo Play Store del 13 marzo 2022

Oltre ai missili e ai tank c’è la guerra tecnologica del 7 marzo 2022

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email