fbpx

I Dem tentano nuovamente
l’impeachment di Trump

Donald Trump. I dem tentano di nuovo al messa sotto accusa

 

Dopo aver già fallito nei mesi scorsi i Democratici statunitensi tornano a percorrere la strada della «messa in stato d’accusa» (impeachment) nei confronti dell’ex presidente Donald Trump.

Donald Trump. I dem tentano di nuovo al messa sotto accusaIl dibattito iniziato ieri in Senato ha visto la maggioranza dei senatori votare la costituzionalità del processo, respingendo la tesi secondo cui il Congresso non potrebbe decidere la condanna o meno di un ex presidente.

Donald Trump e i suoi legali per il momento continuano a difendersi definendo l’operazione come «meramente politica» ammonendo «se l’impeachment va avanti si rischia di distruggere il Paese, come abbiamo visto una sola volta nel nostro Paese».

La battaglia legale si annuncia tesa anche perché i Dem hanno subito sfoderato l’artiglieria pesante aprendo la seduta con le immagini dell’assalto al Congresso del 6 gennaio, montate con le parole dell’ex presidente che nello stesso giorno nel corso di un comizio incitava la folla dei sostenitori a marciare sul Campidoglio.

Il video ha provocato lo segno non solo dei senatori Dem ma anche di alcuni esponenti repubblicani soprattutto quando il video ha rilanciato la frase di Trump: «Vi amo, siete veramente speciali».

I precedenti di impeachment nella storia statunitense sono molti pochi e Trump è il primo presidente che viene messo sotto accusa per la seconda volta, anche se secondo la stampa a stelle e strisce questi non sarebbe minimamente preoccupato ed anzi starebbe già pianificando una sorta di vendetta anche contro qui repubblicani che hanno votato contro di lui.

Per il momento l’ex inquilino della Casa Bianca osserva il processo in tv dando istruzioni a distanza al suo pool di legali fiducioso che alla fine tutto si chiuderà con una nuova assoluzione, proprio come accadde lo scorso anno.

Nel tenere il profilo molto basso Trump ha fatto proprio il suggerimento della figlia Ivanka e del genero Jared Kushner, in queste settimane le persone a lui più vicine, trasferitisi anche loro in Florida.

Numeri alla mano, salvo sorprese, la strada per i Dem appare in salita: per condannare l’ex presidente almeno 17 senatori repubblicani dovrebbero votare con i 50 senatori democratici.

Fabrizio Di Ernesto

 

 

 

DONALD TRUMP LASCIA LA CASA BIANCA

Colori e personaggi del giuramento di Biden del 21 gennaio 2021

Comincia oggi l’era di Joe Biden del 20 gennaio 2021