fbpx
AI E PUBBLICA SICUREZZA

L’algoritmo-anti rapina
in soccorso della Polizia

Con il sistema X-Law nasce la polizia predittiva

 

Prevedere un reato prima che si verifichi? Ora è tutto possibile, e non si tratta di fantascienza, ma di polizia predittiva, ovvero processi decisionali automatizzati possibili grazie ad una serie di algoritmi di machine learning che, in men che non si dica, saranno in grado di predire il futuro nel segno della sicurezza e della giustizia. O per lo meno ci proveranno.

Con il sistema X-Law nasce la polizia predittivaNel nostro paese, invece, si sta sperimentando la «polizia predittiva», che fa ricorso all’automazione per aiutare la forza pubblica ad individuare la criminalità emergente. Recentemente è stato approvato il primo brevetto italiano in tema di polizia predittiva: X-Law.

Come funziona la polizia predittiva

Il sistema X-Law costituisce un approccio innovativo ai problemi di insicurezza delle comunità che rivoluziona il metodo tradizionale di prevenzione dell’illegalità diffusa, perché si basa sulla possibilità di poter prevedere, con l’impiego dell’Intelligenza artificiale, scippi, rapine, furti, borseggi, truffe e altri delitti di tipo cosiddetto «predatorio» che normalmente avvengono nelle nostre città.

Il sistema si fonda su modelli criminosi basati sull’analisi di dati socio-economico e logistici elaborati secondo un modello previsionale di machine learning. Il sistema, già sperimentato in 11 questure italiane, è stato validato dall’Università Federico II e dall’Università Partenope di Napoli.

I dati di cui si nutre X-Law

X-Law si «nutre» di due serie di informazioni: la prima sono le caratteristiche socio-economiche del territorio in esame mentre, la seconda, sono tutti i dati relativi agli eventi criminosi in quella porzione territoriale, provenienti da notizie di stampa, denunce, social media eccetera.

Con in pancia questi dati, il sistema ricostruisce una «città virtuale», contenente orari di apertura e chiusura delle attività commerciali, orari dei mezzi pubblici, traffico, scuole e attività di uffici pubblici. Sovrapponendo i dati sulla criminalità e la regolare vita urbana, il sistema è capace di individuare dove è più probabile che si consumi un delitto.

Secondo i risultati delle sperimentazioni, X-Law è in grado di predire con una precisione tra l’87 e il 93% l’avvenimento criminoso, sfera divinatoria che gli è valso il brevetto.

Alessandro Alongi

 

NEL PIANETA DIGITALE

Lascia un commento