OLIVIERO TOSCANI

Quegli insulti gratuiti
a Giorgia Meloni

 

Il fotografo Oliviero Toscani, intervistato a La Zanzara, dichiara che Giorgia Meloni è «brutta, volgare, ritardata, fastidiosa». Sono insulti gratuiti e, come viene fatto notare, di evidente stampo sessista e lesivi della dignità delle persone con disturbi psichici. Solidarietà a Giorgia Meloni è stata subito espressa da FdI e da numerosi esponenti del Centrodestra.

Il capogruppo di FdI alla Camera Francesco Lollobrigida ha sottolineato come sia «sempre più disgustoso il disprezzo antropologico della sinistra radical, e nemmeno più così chic, che si sciacqua la bocca con slogan conformisti e tardo femministi salvo poi vomitare odio, razzismo e sessismo politico contro chi, come Giorgia Meloni, non fa parte della sua violenta tribù. Per fortuna in via di estinzione». Ignazio La Russa ricorda come «nessuno meglio di Toscani incarna il fallimento del marxismo e il prototipo dell’odierno post comunista del Pd», mentre il vicepresidente della Camera Fabio Rampelli ha detto che «Toscani ha fatto oggi la sua migliore fotografia della nuova sinistra contemporanea».

L’ex ministro delle Pari Opportunità, Mara Carfagna ha definito «inqualificabili e orrende» le parole che Oliviero Toscani ha rivolto a Giorgia Meloni e di aspettarsi «come tutti, che chieda scusa a lei e alle persone che ha offeso con le sue espressioni sprezzanti per poi aggiungere «So che ci vuole ben altro per metterla a tacere»

Sul caso si sono espresse anche le capogruppo azzurre di Camera e Senato, Mariastella Gelmini e Anna Maria Bernini, stigmatizzando le parole del fotografo. «È inquietante che un uomo di cultura non sappia distinguere tra diritto di critica e libero insulto», ha detto Bernini, alla quale si è unita Annagrazia Calabria, parlando di «parole cariche di odio umano e sociale». «Così non va!», ha tuonato poi il governatore della Liguria Giovanni Toti, mentre Raffaele Fitto si è detto «indignato», aggiungendo di provare «vergogna per chi, come Toscani, si fa paladino della giustizia e dell’equità sociale e poi rivela il suo odio e il suo razzismo verso chi non la pensa come lui».

Assordante silenzio invece della sinistra, cultrice del politicamente corretto e sempre pronta a non perdere occasioni per dichiararsi femminista.

 

Nello foto sopra: Giorgia Meloni con il marito e la figlia

Lascia un commento