fbpx

Il pilota di Tornado
stroncato dal Coronavirus

Walter Pauselli, il pilota di Tornado stroncato dal Covid-19

 

Oggi, l’ultimo saluto al Generale dell’aeronautica militare Walter Pauselli, deceduto l’altro ieri, all’età di 65 anni nell’ospedale di Città di Castello (Perugia) per complicazioni legate al coronavirus.

Walter PauselliEra un eugubino, era un eroe, era un uomo di estrema bontà e umiltà.

Appassionato della Festa dei Ceri e legatissimo alla sua Città Natale, nel 2005 accese l’Albero di Natale di Gubbio, il più grande del Mondo.

Nel 1991, fu tra piloti super selezionati che parteciparono all’operazione «Locusta», nome in codice dato alla partecipazione dell’Aeronautica Militare alla Guerra del Golfo.

Pauselli pilotò uno degli 8 cacciabombardieri multiruolo Tornado inviati nella base di Al-Dhafra nell’ambito missione multinazionale Desert Shield per liberare il Kuwait dall’invasione irachena.

Ha partecipato a molte missioni e ricevuto numerose decorazioni e incarichi. I suoi ricordi e le sue esperienze come pilota bombardiere sono narrati nel suo libro Convivere con l’adrenalina.

Walter Pauselli lascia la moglie Cristiana, le figlie Sara, Tiziana e Valentina, la sorella Donatella e il fratello Giampaolo.

Lascia un vuoto incolmabile e tanta amarezza per una morte provocata da uno «stupido virus».

Ernesta Cambiotti