fbpx

L’amore litigarello,
di questi tempi, non è bello

Covid-19: Sotto la pressione dell'epidemia la coppia rischia di scoppiare

 

Nella pace si vive meglio. L’epidemia del Covid-19 ci sta isolando in casa, modificando di netto le nostre abitudini di vita e spesso la co-abitazione forzata e stretta, magari unita alle difficoltà, alle preoccupazioni, come alle tensioni di questo momento disagevole, che di fatto non aiuta ad essere sereni e rilassati.

Covid-19: il virus responsabile dell'epidemiaOccorre unire le forze e sentirsi «vicini seppur distanti» dai nostri cari, e sfruttare questo isolamento a casa per pensare in qualche momento un po’ di più a noi stessi. Per questo motivo, se abbiamo avuto qualche motivo di tensione, incomprensione, discussione con il nostro partner, cerchiamo di far tornare «il sereno e la pace» il più velocemente possibile, attraverso alcuni pratici consigli:

Se siamo lontani

La necessità di mantenerci a distanza e di far circolare il Covid-19 meno possibile, ha di fatto separato le coppie che non vivono insieme. Le visite alla dolce metà sono proibite dalle norme di quarantena e violarle è fuori discussione (utilizziamo allora le chiamata e le videochiamate aspettando che passi la tempesta). Se però abbiamo litigato, il fatto di avere lo spazio personale per ripensare a tutto con calma, ci aiuterà concretamente a trovare le parole giuste per riavvicinarci.

Convivenza stretta-forzata

Il fatto di essere sempre chiusi in casa alle prese con l’ansia e con le complicazioni della co-abitazione stretta-forzata possono affinare tensioni, incomprensioni e stress. Cerchiamo quindi di non trasformare il partner nel capro espiatorio delle nostre paure e di essere tolleranti quando è lui a sua volta ad essere teso e preoccupato. Mai come in questo momento bisogna stringerci ai nostri affetti più veri.

Mi dispiace/Che ne pensi?

Sono due parole magiche che possono risolvere molte situazioni, anche se siamo certi o quasi di avere ragione e/o di pensare ciò che si è detto, lo scontro ha portato tristezza, angoscia e disagio ugualmente. Di questo possiamo essere sinceramente dispiaciuti a prescindere da chi alla fine si addosserà il torto della disputa. Per segnalare la nostra intuizione di metterci finalmente in ascolto la domanda giusta è «Che ne pensi?» o «Che faresti?» ovviamente si tratterà poi di dare spazio alla risposta.

La dolcezza

Spesso si ottiene molto di più con la dolcezza, la calma e con il sorriso che con un’azione diretta. Per aprirsi alla strada della riconciliazione può essere utile, al momento giusto, un piccolo dono o una coccola inattesa o ancora uno spunto per una battuta e/o una risata;

Lacrime e baci

Gli sfoghi emotivi sono comprensibili, ma raramente risolvono le cose. Facciamo la pace e poi, con calma e razionalità, ripercorriamo la lite e risolviamo, se possibile, anche le problematiche che stavano alla base dello scontro;

Evitiamo di tenere il broncio

Le ripicche come i musi lunghi non sono mai una bella cosa, specie in questo momento che abbiamo poche opportunità di sfogare fuori casa le tensioni, i malumori, meglio quindi non cadere alla tentazione dei musi lunghi. Decisamente più utile e risolutiva una spiegazione franca e pacata per far tornare subito il sereno.

Teniamo fede alle cose importanti

Visto il difficile e delicato momento che stiamo vivendo, mai come adesso è fondamentale focalizzare l’attenzione sulle cose importanti della vita. Occorre unire le forze, spalleggiarsi a vicenda al fine di non perdere la serenità ed affrontare i disagi quotidiani. Aggrappiamoci alle cose belle e sorvoliamo su tutto il resto.

Un po’ di tolleranza in più

È vero che siamo chiusi tra quattro pareti ed a mantenere un po’ di ordine e di comfort in casa è indispensabile. L’essenziale è mantenere tutto igienizzato il più possibile, poi se restano i giochi dei bambini sul tappeto e/o sul divano a sua vola un po’ sottosopra, non muore nessuno.

In ultimo, ora che siamo costretti a cenare a casa, riscopriamo il senso della famiglia, il piacere di consumare insieme qualche buon piatto, che avremo magari preparato a quattro o più mani. In fondo, cibo, amore e convivialità da sempre vanno insieme.

Antonella Betti

 

GLI ALTRI ARTICOLI SULL’EPIDEMIA COVID-19

Distanti ma vicini grazie alla Rete del 17 marzo 2020

Mentre #iorestoacasa gli altri che fanno? del 16 marzo 2020

Il virus come cortina di tornasole del paese del 15 marzo 2020

Presidente Bukele le esprimo la mia indignazione del 15 marzo 2020

Le cinque parole dell’emergenza sanitaria del 12 marzo 2020

Un decreto al giorno toglie il medico di torno del 12 marzo 2020

Decreto Conte, Pmi le altre vittime del 10 marzo 2020

#Iorestoacasa. Le misure del Decreto Conte del 10 marzo 2020

Elogio dell’autoisolamento del 8 marzo 2020

Il salto di specie del Coronavirus del 6 marzo 2020

La politica ai tempi del Coronavirus del 27 febbraio 2020

Come difendersi dal Coronavirus del 26 febbraio 2020