fbpx

Margherita Sarfatti
musa dell’Arte e del Duce

Dedicate a Margherita Sarfatti una mostra e una docufiction

 

La critica d’arte e, per molti anni, musa ispiratrice e amante di Benito Mussolini, Margherita Sarfatti (1880-1961), è oggetto in queste settimane di un rinnovato interesse. Rai Storia le ha dedicato il 6 ottobre la puntata di apertura de «Il segno delle donne» mentre alla Galleria Russo di Roma è in corso la mostra «Margherita Sarfatti e l’arte italiana tra le due guerre».

Dedicate a Margherita Sarfatti una mostra e una docufictionIl segno delle donne è una «docufiction» dedicata alla vita pubblica e privata di sei donne, vissute a cavallo fra 800 e 900 che hanno lasciato un segno nella vita pubblica e culturale italiana.

Le sei donne, interpretate da altrettanto attrici, vengono intervistate dalla storica e critica d’arte Rachele Ferrario e rispondono «con grande fedeltà alle fonti bibliografiche, usando le stesse parole che hanno pronunciato, grazie anche a un formidabile lavoro di squadra degli autori del programma».

L’intervista su RaiPlay

«Tutto mi sarei aspettata – ha dichiarato Rachele Ferrario –, tranne che condurre un programma in cui intervisto sei straordinarie attrici. Sonia Bergamasco (nella foto di copertina) si è calata perfettamente nella parte, consentendomi di completare un’opera iniziata con il libro Margherita Sarfatti. La regina dell’arte nell’Italia fascista».

L’«intervista» all’autrice di Dux – un libro che meriterebbe di essere finalmente ristampato – è visibile su RaiPlay. Così come lo saranno le altre puntate de «Il segno delle donne» dedicate, fra le altre, ad Ondina Valla e Chiara Lubich.

La mostra alla Galleria Russo

Alla Galleria Russo di Roma si è aperta il 10 ottobre la mostra «Margherita Sarfatti e l’arte italiana tra le due guerre» curata da Fabio Renzi.

Le 50 opere, che potranno essere apprezzate dal pubblico, ad ingresso libero, fino al 31 ottobre, provengono in larga parte dal Fondo Sarfatti e dai suoi eredi e sono affiancate da foto e materiali legati alla vita personale e familiare della fondatrice di «Novecento».

Il catalogo della mostra, con scritti della stessa Rachele Ferrario e di Corrado Augias, è edito da Silvana Editoriale.

 

 

RayPlay
Il segno delle donne

Galleria Russo
Margherita Sarfatti e l’arte italiana tra le due guerre
(via Alibert n.20, orari L 16.30-19.39; M-S 10-19.90)