fbpx

Anche in Italia arrivano
le virtual-influencer

È arrivata Nefele, la prima virtual-influencer italiana

 

Tre ragazzi torinesi Filippo Boschero, Laura Elicona e Luca Facchinetti da qualche mese stanno scombussolando l’eldorado mondo degli influencer, destinato – se prospererà il loro progetto di virtual-influencer – a sostituire belle ragazze in carne e ossa con altrettante piacevoli figure create, però, dalla grafica tridimensionale di potentissimi computer.

È arrivata Nefele, la prima virtual-influencer italianaDopo gli Usa arriva così anche in Italia il fenomeno delle virtual-influencer, ovvero creazioni interamente digitali che ambiscono a prendere il posto di reali (e strapagati) testimonial.

Che non sia uno scherzo lo si capisce dalle grandi griffe che ruotano intorno alle influencer 3D. Brand del calibro di Prada e Samsung, infatti, hanno già iniziato a coinvolgere questi nuovi volti per le loro campagne pubblicitarie, rappresentando essi anche la migliore garanzia per ogni datore di lavoro: i meta-influencer, infatti, non si stancano, non reclamano e non hanno sindacati alle spalle. Un affarone.

Nefele, prima influencer digitale italiana

A vedere le prime immagini di Nefele, la virtual-influencer creata dai tre giovani italiani, tutto si potrebbe dire tranne che sia un prodotto interamente digitale; le sue foto e i video postati sui suoi canali social riproducono a tutti gli effetti esperienze reali, soltanto che, dall’altra parte, ad indossare capi e sfoggiare borse non c’è una persona ma un insieme di bit e pixel.

Il processo di creazione delle Meta-influencer parte da immagini reali, magari di personalità che prestano il proprio corpo ad entità che, in breve tempo, esisteranno solo sul web. Il resto è completato da abili media marketer che, attraverso post, foto e stories, costruiscono intorno a tale modello una personalità e una sua routine quotidiana.

«Si tratta di un’entità che ha applicazioni non solo nel contesto attuale ma anche in quello che Zuckerberg ha definito Metaverso» spiegano i padri di Nefele, preannunciando già gli impieghi futuri del loro manichino digitale.

Il business dei virtual-influencer

Pare che il mercato degli influencer virtuali abbia raggiunto cifre da capogiro, qualcosa come 13,8 miliardi solo lo scorso anno. Ne sa qualcosa Lil Miquela, influencer digitale con più di 3 milioni di follower all’attivo, creata da una società americana e che sfila per conto di Chanel. Il suo cachet, nel 2021, è stato di oltre 11 milioni di dollari. Ma anche Shudu, altra meta-influencer, non piange miseria, potendosi fregiare di una collaborazione con Tiffany.

Tempi duri per tanti adolescenti, dunque, che avevano già assaporato il gusto della notorietà e della ribalta grazie ai loro Tik Tok. Per loro, probabilmente, tornerà un futuro sui libri, dove la parola successo seguirà alla parola sacrificio.

Alessandro Alongi

 

 

 

 

 

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email