fbpx

La lunga carriera di un «bravo ragazzo»

Morto a 67anni Ray Liotta, celebre per Quei bravi ragazzi

 

È morto l’attore Ray Liotta. Aveva lavorato in una pellicola memorabile Quei bravi ragazzi di Martin Scorsese. È morto nel sonno nella Repubblica Dominicana dove si trovava per le riprese del suo nuovo film. Aveva 67 anni.

Morto a 67anni Ray Liotta, celebre per Quei bravi ragazzi Liotta era noto soprattutto per il suo ruolo del mafioso Henry Hill al fianco di Robert De Niro e Joe Pesci nel film capolavoro di Martin Scorsese del 1990, «Quei bravi ragazzi» (Goodfellas). Film basato proprio sulle memorie del vero mafioso, poi pentito, Hill che gli aprì le porte di Hollywood. 

Ma era  noto anche  per molti altri ruoli nei film «L’uomo dei sogni» con Kevin Costner,  «Cop Land» con Silvestre Stallone, Abuso di potere (1992) con Kurt Russelk, «Una moglie per papà» (1994) con Whoopy Goldberg, «Blow»(2001) con Johnny Depp, Hannibal (2001) di Ridey Scott, The Son of No One (2011) con Al Pacino.

Le ultime sue interpretazioni sono state nelle pellicole «I molti santi del New Jersey», e «Storia di un matrimonio» con Adam Drive, per il quale ha ricevuto un Indie Spirit Award.

L’ultimo suo ruolo in «Cocaine Bear», diretto da Elizabeth Banks. 

Avrebbe dovuto recitare nel film dal titolo provvisorio «The Substance» al fianco di Demi Moore e Margaret Qualley ma una morte improvvisa gli ha impedito di ultimare le riprese del attuale film nei Caraibi.

È morto mentre lavorava ad un film, come aveva fatto per tutta la sua vita da quel indimenticabile ruolo che lo rese  noto in tutto il mondo come il malavitoso Henry Hill. Per noi sarai sempre uno di «quei bravi ragazzi»…

«Ci trattavano come stelle del Cinema ma noi eravamo più potenti. Eravamo tutto». Grazie Ray Liotta.

Angela Alizzi

 

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email