fbpx

Dalle marce anti Tav
alla presidenza di un traforo

Giorgio Sorial (M5S) presidente soc Traforo del Monte Bianco

 

L’ex deputato Cinque Stelle Giorgio Sorial, bresciano 37 anni, in prima fila nelle marce in Valle di Susa contro le infrastrutture della rete ferroviaria ad alta velocità Torino-Lione è stato nominato a capo della società del Traforo del Monte Bianco (Sitmb).

Giorgio Sorial (M5S) presidente soc Traforo del Monte BiancoBella giravolta per chi in parlamento srotolava insieme alla collega Laura Castelli, attuale viceministra dell’Economia, striscioni per il No Tav e si scagliava contro «il partito dei Benetton».

Il tunnel del Monte Bianco è un tunnel nella montagna, non molto diverso dalla tanto avversata galleria della Torino-Lione, ma soprattutto è un’autostrada gestita dai privati, una delle tante in concessione ad Autostrade per l’Italia.

Giorgio Sorial passa così dagli attacchi alla coabitazione con gli ex odiati Benetton. La nomina è stata formalizzata a febbraio su indicazione di Luigi Di Maio, del quale il nostro è stretto collaboratore al ministero dello Sviluppo economico.

«Da mesi in cerca di una nuova collocazione – leggiamo sul Corriere della Sera –, l’ex parlamentare aveva provato a bussare anche alla porta di Chiara Appendino, cercando la nomina al vertice dell’azienda torinese dei trasporti Gtt. Ma gli era andata male: perché la sindaca è in scadenza e non può affidare nuovi incarichi».

Pino Lancia