L’EMERGENZA ECONOMICA

Covid-19 ha stroncato
il popolo Italiano!

L'epidemia di Covid-19. Disordini in un supermercato il 26 marzo a Palermo

 

L’epidemia di Covid-19 ha messo in ginocchio l’Italia. Il popolo ha fame e non abbiamo neppure croissant da distribuire! Quello che sfugge al governo Conte e che la gente mangia ogni giorno e che per acquistare il cibo servono soldi. Servono soldi anche per acquistare beni essenziali come le medicine, ad esempio.

Covid-19 Accanto all'emergenza sanitaria c'è una forte emergenza economica

Il 26 marzo a Palermo una ventina di famiglie hanno riempito i carrelli di un supermercato Lidl e cercato di uscire senza pagare. Soltanto l’intervento della Polizia ha evitato che la situazione degenerasse

In un Paese già martoriato dalla crisi economica dilagante ed endemica, questa emergenza sanitaria arriva come un terremoto devastante e solo persone competenti e lungimiranti possono arginarne gli effetti.

Dal punto di vista sanitario si sta facendo il possibile per contenere il contagio da Covid-19, mentre dal punto di vista economico soltanto il minimo sindacale. È vergognoso, annunciare aiuti, altrettanto vergognosi per l’esiguità degli importi e per i tempi sconosciuti di erogazione.

Si capisce che non è semplice mettere in moto una macchina che ha già la batteria scarica, ma il momento è tale da pretendere sforzi sovrumani. La Stato si deve indebitare, perché deve dare da mangiare al popolo.

Il cibo e le medicine, prima di tutto, poi le bollette delle utenze, le rate dei debiti già contratti a breve, medio e lungo termine, le rate dei debiti tributari, gli importi delle adesioni ai Pvc e agli accertamenti, i contributi previdenziali, correnti e arretrati, ecc. e non per un mese o due, non è sufficiente.

E poi un assegno «di solidarietà» a tutti coloro che non hanno uno stipendio, un salario o altro compenso sicuro, che sia dignitoso, però, non un’elemosina di 600 euro ora, per allora!

Servirà ben altro, e questo Governo, rappresentato da Conte lo deve capire, perché la gente è disperata e la disperazione è un veleno pericoloso e strisciante.

Non basta, seppur è apprezzabile, tenere testa a Germania, Olanda e Austria, sull’ipotesi Coronabonds, come non bastano le misure adottate sino ad ora. Ci vorrà un bel colpo di spugna sull’indebitamento privato e imprenditoriale, con sanatorie anche a «saldo e stralcio».

L’Italia è un Paese che non può soccombere al Covid-19. Gli Italiani, a volte sornioni e disobbedienti, sono un gran popolo e pensare che molti di loro soffrano la fame è semplicemente vergognoso!

Ernesta Cambiotti

 

 

GLI ALTRI ARTICOLI SULL’EPIDEMIA COVID-19

Per uscire dall’impasse Conte scrive a Michel del 26 marzo 2020

Taormina prepara una denuncia al Governo del 26 marzo 2020

A gennaio il Governo sapeva già tutto del 25 marzo 2020

Tra calo del petrolio e crolle dei consumi del 24 marzo 2020

Avigan, una speranza in attesa del vaccino del 24 marzo 2020

Il Paese sta pagando gli sconsiderati tagli alla spesa del 23 marzo

Dal Palmeiras, lettera aperta agli italiani del 23 marzo 2020

Il nuovo decreto non c’è ma lo show di Conte va in onda del 22 marzo 2020

Il Prefetto chiama e l’esercito arriva del 20 marzo 2020

Più insidioso dell’isis, il virus sconvolge le nostre abitudini del 19 marzo 2020

Un decreto che non cura del 18 marzo 2020

#iorestoacasa ma c’è chi non può del 18 marzo 2020

L’amore litigarello, di questi tempi, non è bello del 18 marzo 2020

Distanti ma vicini, grazie alla Rete del 17 marzo 2020

Mentre #iorestoacasa gli altri che fanno? del 16 marzo 2020

Il virus come cortina di tornasole del paese del 15 marzo 2020

Presidente Bukele le esprimo la mia indignazione del 15 marzo 2020

Le cinque parole dell’emergenza sanitaria del 12 marzo 2020

Un decreto al giorno toglie il medico di torno del 12 marzo 2020

Decreto Conte, Pmi le altre vittime del 10 marzo 2020

#Iorestoacasa. Le misure del Decreto Conte del 10 marzo 2020

Elogio dell’autoisolamento del 8 marzo 2020

Il salto di specie del Coronavirus del 6 marzo 2020

La politica ai tempi del Coronavirus del 27 febbraio 2020

Come difendersi dal Coronavirus del 26 febbraio 2020

 

 

Lascia un commento