fbpx

Categoria: Nel Mondo

Uno stop all’annunciata
ristrutturazione del debito

  Dopo aver annunciato pochi giorni fa la volontà di ristrutturare il proprio debito ed aver pubblicato domenica primo settembre il decreto in Gazzetta ufficiale, l’Argentina fa un piccolo passo indietro, rimandando per il momento l’avvio della «reperfilacion». Il progetto di legge in materia sarebbe dovuto arrivare ieri al Senato ma è stato lo stesso

È falso l’appoggio Usa
al Conte bis

  Quello che poteva sembrare un augurio per un governo Conte bis, in realtà è stato un semplice atto di cordialità, un gesto political correct da parte del presidente americano, Donald Trump, nei confronti dell’ex premier italiano Giuseppe Conte. A ribadirlo è il confidente, amico di Trump ed esperto di comunicazione George Guido Lombardi, intervenuto

Teheran prova a ricucire
ma Trump sbatte la porta

  Torna alla ribalta il tema del nucleare iraniano e lo fa al G7 di Biarritz in Francia, dove ieri a sorpresa si è presentato il ministro degli Esteri di Teheran Mohammad Javad Zarif approfittando del fatto che il tema era quello al centro del dibattito. Dopo una lunga trattativa diplomatica nel luglio 2015 era

La foresta che brucia
oscura il cielo di San Paolo

  La foresta pluviale amazzonica, vero polmone del mondo che produce il 20% dell’ossigeno, sta bruciando ininterrottamente da venti giorni. Secondo i dati diffusi dalle agenzie che forniscono in tempo reale le mappe degli incendi, le fiamme si mangiano l’equivalente di tre campi da calcio al minuto. Tra l’1 e il 22 agosto 2019, sono

Allarme dell'Onu per il riscaldamento globale

L’allarme dell’Onu
per il riscaldamento globale

  Non c’è più tempo! La natura continua a mandare «messaggi» inequivocabili della fine del mondo, ma i «potenti», semplicemente, li ignorano. I ghiacciai si sciolgono, le foreste bruciano, la desertificazione aumenta, il clima è impazzito. Ma niente, si pensa ad altro. Politici e governanti, concentrati su consensi e campagne elettorali perenni o altro, sembrano essere insensibili

Quel prigioniero a piedi
dietro agli agenti a cavallo

  Per la foto del giovane americano, reo confesso dell’omicidio di Mario Cerciello Rega, ammanettato e bendato nella caserma dei Carabinieri, i media americani avevano gridato allo scandalo. Ecco quello che succede a casa loro. Sabato 3 agosto a Galveston in Texas, gli agenti di polizia P. Brosch and A. Smith hanno arrestato per presunta violazione

Petro, la criptovaluta
di Nicolas Maduro

  Da qualche anno, sull’onda del «successo» del Bitcoin, si sente sempre più parlare di criptovalute, tanto che anche Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook, è pronto a lanciare la sua «Libra»; non solo moneta virtuale creata da privati però visto che anche il Venezuela ha da qualche tempo lanciato la propria: il Petro. Con un’economia

La Vale condannata
per il disastro di Brumadinho

  La società mineraria Vale, considerata responsabile del disastro che il 25 gennaio scorso colpì la località di Brumadinho nello Stato di Minas Gerais, ha subito il 9 luglio la prima condanna per i danni causati alle persone, all’ambiente e alle attività economiche della regione interessata. La rottura dello sbarramento di contenimento Córrego do Feijão

Aiutare i migranti
nei paesi di origine

  La capitana è stata arrestata! È giusto così, le leggi vanno rispettate. Ma il problema di fondo, quello vero, rimane. Per l’Italia questo capitolo si può dire chiuso. Ora abbiamo l’attenzione dell’Europa. Ma rimane la sofferenza inascoltata di chi vorrebbe lasciare il paese di origine, di chi sopporta violenze, umiliazioni e anche torture. Molti di noi

Incriminati i separatisti
del Donbass

  Il 17 luglio 2014 un Boeing 777 delle linee aeree malesi, partito da Amsterdam e diretto in Malesia, con 298 persone a bordo, fu abbattuto da un missile terra-aria mentre sorvolava l’Ucraina Orientale occupata dai separatisti filorussi. L’accadimento suscitò l’indignazione del mondo intero per la sua gravità e per le nazionalità dei 273 passeggeri,

L’amicizia con Trump
e ottimismo per il futuro

  «Ho iniziato negli anni settanta a Milano con l’azienda di mio padre. All’epoca si usava utilizzare i taxi e gli autobus per fare pubblicità, e i cartelloni per strada per promuovere eventi e prodotti». Quando gli si fa notare che in Italia, in verità, è tutto rimasto invariato fino al 2019, non si sorprende,

Il braccio di ferro continua,
la popolazione è allo stremo

  Lo avevamo già scritto, su queste pagine, quasi un anno fa. il Venezuela sarebbe sprofondato, in breve tempo, nel caos più totale e nella guerra civile, e così è stato. Un Paese ricchissimo di risorse naturali come petrolio, miniere d’oro, allevamenti bovini e ovini estensivi di grande pregio. Ma i regimi comunisti che, per