CHIETI

Presentato il Bilancio
per il triennio 2018-2020

[KGVID]https://www.edicolaweb.tv/wp-content/uploads/2018/05/Chieti-Bilancio.mp4[/KGVID]

 

Questa mattina in Comune a Chieti è stato illustrato il bilancio di previsione 2018-2020, contenente gli investimenti per la città insieme alle misure e gli interventi relativi al contenimento della spesa e all’efficientamento dei servizi. Inoltre si è parlato anche della riorganizzazione della società partecipata Teateservizi e dell’Azienda Speciale Multiservizi.

«Con tutta la giunta, con l’assessore Luise in capo ed i responsabili degli uffici finanziari abbiamo messo su un Bilancio che è quello che il Comune può permettersi – ha rimarcato il sindaco di Chieti, Umberto Di Primio – garantendo la non chiusura dei servizi necessari per i cittadini. Con l’approvazione del Bilancio garantiremo alla nostra città oltre 32 milioni di investimenti in 3 anni, quasi 5 milioni quest’anno e 13 e 14 milioni nelle annualità 2019 e 2020».

Sull’introduzione della Tassa di soggiorno il sindaco ha spiegato che questa è presente ovunque e non riguarda i cittadini ma chi arriva in città. Si pagheranno 0,70 euro a notte per le prime 3 notti e una cifra inferiore per le successive. Ne saranno esentate molte categorie, come coloro che hanno necessità legate alla permanenza in ospedale e la necessità di stare in città. Considerando che a Chieti si sono registrate 81mila presenze nel 2016 e 85mila nel 2017, contare sulla tassa di soggiorno vuol dire avere risorse disponibili perché si possa fare promozione turistica e manifestazioni.

Per l’azienda speciale Chieti Solidale è prevista la trasformazione in Srl necessaria perché l’azienda possa essere competitiva sul mercato, abbattere i costi e fare investimenti. A tutto il personale attualmente in servizio presso Chieti Solidale avrà posto e ruolo anche nella nuova società.

Sul fronte della l’evasione fiscale contiamo di recuperare risorse dai 60 milioni di euro di tributi e di servizi non pagati. Il Bilancio comunale è di 55 milioni e questo dà la dimensione di quanto siano pesanti per la città la fascia evasiva di elusione dei tributi e delle entrate extratributarie. «Le risorse – ha affermato il sindaco – saranno recuperate con le azioni che già sono state poste in essere dalla Teateservizi. Faremo solleciti, ingiunzioni e ahimè dove saremo costretti faremo anche le esecuzioni perché si possa recuperare le somme finora evase».

L’assessore alle Politiche finanziarie e dei tributi e alla Teateservizi, Valentina Luise ha infine riaffermato l’assoluta infondatezze delle voci circolate sul dissesto finanziario del Comune.

Lascia un commento