Tag: Spettacolo

Shannen Doherty e Luke Perry indimenticabili protagonisti della serie tv Beverly Hills 90210

Brenda ha raggiunto il suo Dylan

Dopo una lunga malattia è scomparsa a 53 anni Shannen Doherty, protagonista in coppia con Luke Perry della fortunata serie tv degli anni Novanta «Beverly Hills 90210». L’impegno sociale e la lotta contro il cancro.Tra i nomi e i volti che hanno segnato la giovinezza/adolescenza di milioni di telespettatori, spiccano con prepotenza quelli di Shannen Doherty e Luke Perry, che hanno interpretato gli adolescenti Brenda e Dylan, la coppia liceale della fortunata serie tv «Beverly Hills 90210».
Dopo aver dovuto salutare Luke a soli 52 anni per un ictus, fa male dover salutare anche Shannen, a soli 53 anni, per un cancro maledetto che se l’è portata via. Shannen Doherty ha lottato contro la malattina come una vera guerriera per nove lunghissimi anni ma alla fine se n’è andata, gettando nella malinconia tutti gli adolescenti degli anni ’90, per cui è stata una vera icona non solo per aver dato vita al personaggio indimenticabile di Brenda ma anche per il suo impegno ambientalista e il coraggio con cui ha affrontato la sua malattia.
Un’attrice impegnata nel sociale
Oltre alla carriera da attrice Shannen Doherty ha sempre portato avanti il suo impegno ambientalista e il suo sostegno ad organizzazioni animaliste appoggiando campagne contro il consumismo di carne di cani e gatti e la produzione di pellicce.
Un attivismo che non si era interrotto neanche davanti alla scoperta nel 2015di un tumore al seno, anzi documentando la sua malattia non solo ha trovato la forza per affrontarla ma ha anche sensibilizzato il pubblico sull’argomento, aiutando le donne che vivevano la sua stessa condizione.
La coraggiosa reazione al tumore
«Avere un tumore non significa che la tua vita è finita. Sto cercando di vivere al meglio che posso, mi piacerebbe essere un esempio in questo momento» diceva. «Posso morire oggi, posso morire tra 20 anni, non lo so. Posso morire camminando fuori casa e un albero che mi cade addosso o un autobus che mi colpisce, qualunque cosa. Oppure posso morire di cancro. Ma tutto quello che posso fare è vivere ogni giorno nel modo più positivo possibile, con la speranza che posso, abbracciarla e pensare: Wow, oggi mi sveglierò di nuovo, cosa posso fare?».
Dopo due anni in cui sembrava che le cure stessero facendo effetto nel 2019 la sua situazione si è nuovamente aggravata quando ha scoperto che le metastasi erano arrivate al cervello ma nemmeno questa ricaduta ha fermato la grande forza di Shannen che ha continuato a portare avanti le sue battaglie con il sostegno della famiglia e degli amici di sempre.
L’esordio ne «La casa nella prateria»
Era nata a Memphis nel 1971, Shannen, e si era avvicinata alla recitazione da bambina esordendo nella serie «La casa nella prateria» quando aveva solo 11 anni. Dopo diversi ruoli tra cinema e tv, nel 1991 aveva raggiunto il grande pubblico vestendo i panni di Brenda Walsh, la ragazza della porta accanto che fece innamorare milioni di teenager nella serie tv Beverly Hills 90201.
Era il 19 novembre del 1992. Molti stavano attraversando la preadolescenza o l’adolescenza. Era un giovedì sera come tutti glia altri e in Italia veniva trasmessa la prima puntata di Beverly Hills 90210 e nessuno sapeva ancora che cosa avrebbe potuto rappresentare per loro quella serie tv nel tempo.
Quella brunetta era lì in mezzo a tutti quegli scatoloni, a tutti quei vestiti buttati per aria alla rinfusa, alla ricerca disperata di qualcosa di adatto al primo giorno di liceo.
Un’ora davanti allo specchio, consigli chiesti al gemello Brandon ancora sonnolento, ansie confessate a mamma Cindy per poi concludere dicendo: «Non ho vestiti». È la frase quotidiana di milioni di adolescenti che si sono riconosciute subito in quella sua incertezza e in quel desiderio di non sfigurare proprio il primo giorno di scuola.
Alla fine Brenda sceglie cosa indossare, jeans e maglietta bianca, con una camicia aperta. E al diavolo tutte le incertezze, esce con il fratello Brandon per affrontare il primo giorno di liceo alla conquista (e perché no?) anche del più figo della scuola che assomiglia a James Dean. Brenda Walsh, da dentro a quel piccolo schermo, ci ha fatto credere che potevamo essere davvero chi volevamo essere, anche se non eravamo bionde, ricche, alte e magre alla Kelly Taylor. E potevamo riuscirci, tutte, nessuno esclusa.
La scomparsa di Luke Perry
«Ricevere la diagnosi e poi perdere qualcuno che amavo e che stava bene per me è stato straniante, surreale» ha dichiarato Shannen quando, con i compagni di Beverly Hills, ha condiviso il dolore per la perdita improvvisa di Luke Perry suo grande amico e il suo amore nella serie, scomparso a causa di un ictus. Sappiamo che con Luke c’erano stati alti e bassi, momenti a forte intensità come del resto erano loro sugli schermi, ma che alla fine si erano ritrovati.
E ci piace immaginarli così, il filo che si ricollega tra loro nel modo più tragico e inaspettato, saperli insieme… sapere Shannen finalmente libera dal dolore della malattia… quella malattia che ha mostrato a tutti come esempio di resilienza perché neanche di fronte a un tumore si deve perdere la voglia di vivere.
«Non ho finito di vivere. Non ho finito di amare. Non ho finito di creare. Non ho ancora finito di sperare di cambiare le cose in meglio. Semplicemente non ho finito», le sue parole, lo scorso novembre.
Ed è proprio così Shannen non hai finito di creare sogni, non hai finito di prodigare amore, non hai finito di cambiare le cose in meglio, non hai finito di vivere. Tra i nostri ricordi più belli ci sarete sempre tu e Luke, vi ricorderemo così, insieme, come Brenda e Dylan, e riandremo con nostalgia agli anni in cui ci avete fatto sognare.
Angela Alizzi
Tra i nomi e i volti che hanno segnato la giovinezza/adolescenza di milioni di telespettatori, spiccano con prepotenza quelli di Shannen Doherty e Luke Perry, che hanno interpretato gli adolescenti Brenda e Dylan, la coppia liceale della fortunata serie tv «Beverly Hills 90210».
Dopo aver dovuto salutare Luke a soli 52 anni per un ictus, fa male dover salutare anche Shannen, a soli 53 anni, per un cancro maledetto che se l’è portata via. Shannen Doherty ha lottato contro la malattina come una vera guerriera per nove lunghissimi anni ma alla fine se n’è andata, gettando nella malinconia tutti gli adolescenti degli anni ’90, per cui è stata una vera icona non solo per aver dato vita al personaggio indimenticabile di Brenda ma anche per il suo impegno ambientalista e il coraggio con cui ha affrontato la sua malattia.
Un’attrice impegnata nel sociale
Oltre alla carriera da attrice Shannen Doherty ha sempre portato avanti il suo impegno ambientalista e il suo sostegno ad organizzazioni animaliste appoggiando campagne contro il consumismo di carne di cani e gatti e la produzione di pellicce.
Un attivismo che non si era interrotto neanche davanti alla scoperta nel 2015di un tumore al seno, anzi documentando la sua malattia non solo ha trovato la forza per affrontarla ma ha anche sensibilizzato il pubblico sull’argomento, aiutando le donne che vivevano la sua stessa condizione.
La coraggiosa reazione al tumore
«Avere un tumore non significa che la tua vita è finita. Sto cercando di vivere al meglio che posso, mi piacerebbe essere un esempio in questo momento» diceva. «Posso morire oggi, posso morire tra 20 anni, non lo so. Posso morire camminando fuori casa e un albero che mi cade addosso o un autobus che mi colpisce, qualunque cosa. Oppure posso morire di cancro. Ma tutto quello che posso fare è vivere ogni giorno nel modo più positivo possibile, con la speranza che posso, abbracciarla e pensare: Wow, oggi mi sveglierò di nuovo, cosa posso fare?».
Dopo due anni in cui sembrava che le cure stessero facendo effetto nel 2019 la sua situazione si è nuovamente aggravata quando ha scoperto che le metastasi erano arrivate al cervello ma nemmeno questa ricaduta ha fermato la grande forza di Shannen che ha continuato a portare avanti le sue battaglie con il sostegno della famiglia e degli amici di sempre.
L’esordio ne «La casa nella prateria»
Era nata a Memphis nel 1971, Shannen, e si era avvicinata alla recitazione da bambina esordendo nella serie «La casa nella prateria» quando aveva solo 11 anni. Dopo diversi ruoli tra cinema e tv, nel 1991 aveva raggiunto il grande pubblico vestendo i panni di Brenda Walsh, la ragazza della porta accanto che fece innamorare milioni di teenager nella serie tv Beverly Hills 90201.
Era il 19 novembre del 1992. Molti stavano attraversando la preadolescenza o l’adolescenza. Era un giovedì sera come tutti glia altri e in Italia veniva trasmessa la prima puntata di Beverly Hills 90210 e nessuno sapeva ancora che cosa avrebbe potuto rappresentare per loro quella serie tv nel tempo.
Quella brunetta era lì in mezzo a tutti quegli scatoloni, a tutti quei vestiti buttati per aria alla rinfusa, alla ricerca disperata di qualcosa di adatto al primo giorno di liceo.
Un’ora davanti allo specchio, consigli chiesti al gemello Brandon ancora sonnolento, ansie confessate a mamma Cindy per poi concludere dicendo: «Non ho vestiti». È la frase quotidiana di milioni di adolescenti che si sono riconosciute subito in quella sua incertezza e in quel desiderio di non sfigurare proprio il primo giorno di scuola.
Alla fine Brenda sceglie cosa indossare, jeans e maglietta bianca, con una camicia aperta. E al diavolo tutte le incertezze, esce con il fratello Brandon per affrontare il primo giorno di liceo alla conquista (e perché no?) anche del più figo della scuola che assomiglia a James Dean. Brenda Walsh, da dentro a quel piccolo schermo, ci ha fatto credere che potevamo essere davvero chi volevamo essere, anche se non eravamo bionde, ricche, alte e magre alla Kelly Taylor. E potevamo riuscirci, tutte, nessuno esclusa.
La scomparsa di Luke Perry
«Ricevere la diagnosi e poi perdere qualcuno che amavo e che stava bene per me è stato straniante, surreale» ha dichiarato Shannen quando, con i compagni di Beverly Hills, ha condiviso il dolore per la perdita improvvisa di Luke Perry suo grande amico e il suo amore nella serie, scomparso a causa di un ictus. Sappiamo che con Luke c’erano stati alti e bassi, momenti a forte intensità come del resto erano loro sugli schermi, ma che alla fine si erano ritrovati.
E ci piace immaginarli così, il filo che si ricollega tra loro nel modo più tragico e inaspettato, saperli insieme… sapere Shannen finalmente libera dal dolore della malattia… quella malattia che ha mostrato a tutti come esempio di resilienza perché neanche di fronte a un tumore si deve perdere la voglia di vivere.
«Non ho finito di vivere. Non ho finito di amare. Non ho finito di creare. Non ho ancora finito di sperare di cambiare le cose in meglio. Semplicemente non ho finito», le sue parole, lo scorso novembre.
Ed è proprio così Shannen non hai finito di creare sogni, non hai finito di prodigare amore, non hai finito di cambiare le cose in meglio, non hai finito di vivere. Tra i nostri ricordi più belli ci sarete sempre tu e Luke, vi ricorderemo così, insieme, come Brenda e Dylan, e riandremo con nostalgia agli anni in cui ci avete fatto sognare.
Angela Alizzi

L’operetta di Luis H. Salgado Torres «Ensueños de Amor», cantata e narrata in lingua originale, è andata in scena il 16 maggio nella splendida cornice del Teatro di Villa Torlonia per inziativa dell'associazione Ayllu e dell'Ambasciata dell'Ecuador.

Ensueños de Amor
a Villa Torlonia

L’operetta di Luis H. Salgado Torres «Ensueños de Amor», cantata e narrata in lingua originale, è andata in scena il 16 maggio al Teatro di Villa Torlonia per iniziativa dell’associazione Ayllu e dell’Ambasciata dell’Ecuador.

Se l'intrattenimento Rai non decolla e il Pd gongola. Sotto accusa Mercanti in fiera condotto da Pino Insegno

La crociata del Pd
contro «Mercante in fiera»

Mentre gli autori più a sinistra, dopo averne perso il controllo, hanno lasciato la Rai, il Pd attacca le trasmissioni di intrattenimento del servizio pubblico con il retropensiero di colpire il Governo. Pino Insegno il più bersagliato.

La Festa del Cinema di Roma 2023 dal 18 al 29 ottobre all'Auditorium Parco della Musica. Il manifesto della rassegna dedicato ad Anna Magnani

Diciotto film in concorso
per la 18a edizione

Punta tutto sul numero 18 la Festa del Cinema di Roma 2023: diciottesima edizione, diciotto film in concorso e inizio all’Auditorium Parco della Musica il 18 ottobre. Gli omaggi ad Anna Magnani e Isabella Rossellini.

Leone d’Oro a «Poor things!» di Yorgos Lanthimos

«Poor things!», in italiano «Povere creature!», del regista greco Yorgos Lanthimos si è aggiudicato il Leone d’Oro dell’80a edizione del Festival del Cinema di Venezia. A «lo Capitano» di Matteo Garrone il Leone d’Argento.

Una scena di Photophobia, la pellicola dei registi slovacchi Ivan Ostrochovský e Pavol Pekarcik presentata come evento speciale nella 20a edizione della Giornata degli autori alla Mostra del Cinema di Venezia.

Photophobia, una luce
nel buio della guerra

Photophobia dei registi slovacchi Ivan Ostrochovský e Pavol Pekarcik, ambientato in una stazione della metropolitana di Kharkhiv, condensa in 70 minuti lo stato d’assedio di una nazione. Ma l’amicizia tra due ragazzini apre alla speranza.

Pierfrancesco Favino nei panni di Salvatore Todaro con Edoardo De Angelis regista di Comandante

Virtuosa è la Nazione
che non dimentica i suoi eroi

Il film italiano «Comandante», con Pierfrancesco Favino nei panni di Salvatore Todaro, ha aperto l’80° Festival di Venezia. Un film anticonformista alle quale le sinistre hanno reagito con una strumentalizzazione antigovernativa.

A Sergio Castellitto
il premio dei giornalisti Sngci

L’attore Sergio Castellitto si è aggiudicato la 47a edizione del Premio Pietro Bianchi, il riconoscimento che i Giornalisti Cinematografici Sngci assegnano a Venezia alle personalità più rappresentative del cinema del nostro Paese.

Roman Polanski torna alla mostra del Cinema di Venezia con il nuovo film «The Palace». Nella foto il regista durante le riprese con Luca Barbareschi

Roman Polanski torna a Venezia
con «The Palace»

Roman Polanski presenterà fuori concorso all’80esima edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia il suo nuovo film «The Palace». La pellicola sarà nelle sale italiane dal 28 settembre.

L'attore italo-americano Robert De Nito ha compiuto ottant'anni

Buon Compleanno
Robert De Niro

Il 17 agosto il grande attore italo-americano Robert De Niro ha compiuto ottant’anni. I primi passi a Little Italy, il sodalizio con Martin Scorsese, gli Oscar per il «Padrino II» e «Toro scatenato».

Il regista che rivoluzionò
l’horror e il poliziesco

Si è spento all’età di 87 anni il regista William Friedkin. Con «Il braccio violento della Legge» e poi con «L’Esorcista» entrò nella storia del cinema cambiando il concetto di due generi popolari come il poliziesco e l’horror.

Paolo Sorrentino gira a Napoli il suo 10° lungometraggio

Cercando Partenope
tra le strade di Napoli

Dopo il successo di «È stata la mano di Dio» il regista premio Oscar Paolo Sorrentino ha incominciato a Napoli le riprese del suo decimo lungometraggio. Le anticipazioni sulla trama e il cast de «L’apparato umano».

Alessandro Sini a Cefalù per le riprese del suo nuovo film «Succede anche nelle migliori famiglie»

Un nuovo film
e il musical di «Mare Fuori»

Alessandro Siani è in Sicilia per le riprese del nuovo suo film «Succede anche nelle migliori famiglie». L’attore e regista è impegnato anche nella trasposizione musicale della apprezzata serie «Mare Fuori».

Ficarra e Picone a Montalbano Elicona per il nuovo film «Santocielo»

Ficara e Picone in Sicilia
per «Santocielo»

Rilanciato dal grande successo del pluripremiato «La Stranezza» di Roberto Andò, Salvo Ficarra e Valentino Picone stanno girando un nuovo film. Si chiamerà «Santocielo» e sarà sul Grande Schermo a Natale.

Jane Birkin morta a Parigi all'età di 76 anni. Nella foto degli anni Sessanta con Serge Gainsbourg

Addio dolce e ardente Jane

È morta all’età di 76 anni la cantante e attrice Jane Birkin. Il suo nome resta indelebilmente legato al successo della canzone-scandalo «Je t’aime… moi non plus», interpretata nel 1969 con Serge Gainsbourg.

Deva Cassel sarà Angelica,
ruolo che fu di Claudia Cardinale

Sono cominciate a Catania le riprese della nuova serie Netflix tratta da «Il Gattopardo». Deva Cassel, figlia 19enne di Monica Bellucci e di Vincent Cassel, sarà Angelica, il personaggio che consacrò Claudia Cardinale.

«La stranezza» pigliatutto
al Taormina Film Fest

  Il Taormina Film Fest ha chiuso la sua 69esima edizione in bellezza con la consegna dei Nastri D’Argento. Grande protagonista della serata della consegna dei premi nella suggestiva cornice del Teatro Antico è stato il film La stranezza di Roberto Andò. Ad essere premiato è stato tutto il cast sia artistico che tecnico. Questa

Amber Heard al Taormina Film Fert per il lancio del film «In the Fire»

Al Teatro Antico il nuovo esordio
di Amber Heard

Amber Heard è arrivata al Taormina Film Fest per presentare «In the Fire». Per l’attrice si è trattato del primo incontro con il pubblico dopo la fine della discussa causa con l’ex marito Johnny Depp che l’ha vista soccombere.

Harrison Ford con il cast di «Indiana Jones e il Quadrante del Destino» al Taormina Film Festival

Harrison Ford
e il suo ultimo Indiana Jones

Al Teatro Antico di Taormina è andata in scena l’anteprima di «Indiana Johns e il Quadrante del Destino» ennesima puntata della saga che ha reso celebre Harrison Ford. Nella prima parte del film l’attore ringiovanito con il digitale.

Nastri D'Argento 2023. Il regista Marco Bellocchio con il cast del film Rapito

Marco Bellocchio premiato
anche come miglior film

Il sindacato dei giornalisti, dopo i premi per le serie tv, ha assegnato i riconoscimenti per i film. Marco Bellocchio, già vincitore come miglior serie con «Esterno Notte», si aggiudica con «Rapito» anche il premio per il Miglior Film.

I film in programma Taormina Film Fest (23 giugno-1 luglio)

Il Gala Pavarotti Forever
al Teatro Antico

La rassegna cinematografica organizzata dalla Fondazione Taormina Arte Sicilia, giunta alla 69° edizione, si aprirà il 23 giugno con una serata dedicata al ricordo di Luciano Pavarotti. Tutti i film in programma.Il Taormina Film Festival è un importante manifestazione cinematografica organizzata dalla Fondazione Taormina Arte Sicilia, giunta ormai alla sua 69esima edizione. Si svolgerà dal 23 giugno al 1 luglio e vedrà, quest’anno, la co-direzione artistica firmata da Beatrice Venezi e Barrett Wissman che è anche direttore esecutivo del festival cinematografico.
Numerose saranno le première cinematografiche, le produzioni di spettacoli dal vivo e i vip in arrivo. Ma vediamoli insieme.
Il Gala Pavarotti Forever
Venerdì 23 giugno il Taormina Film Fest si aprirà con il Gala Pavarotti Forever. Il Gala è stato realizzato in collaborazione con la Fondazione Luciano Pavarotti, presieduta da Nicoletta Mantovani.
Sul palco, ad interpretare brani che hanno fatto la storia della musica, ci saranno colleghi e amici di Luciano Pavarotti mentre verranno proiettate anche immagini di backstage inedite. Placido Domingo, Marcelo Álvarez, Vittorio Grigolo, Aida Garifullina, Mario Biondi, Andrea Griminelli tra gli ospiti illustri.
Il soprano Giulia Mazzola, i tenori Giuseppe Infantino e Paolo Nevi, il baritono Ettore Lee tra gli ospiti che fanno parte di una nuova generazione di giovani artisti promossi e sostenuti dalla Fondazione Pavarotti. L’Orchestra Taormina Art Festival sarà diretta dal M.o Beatrice Venezi.
Sullo schermo del Teatro Antico, verrà poi proiettato il documentario di Leonardo Metalli, Voglio vivere così… e felice Canto! Si tratta di uno speciale su Pavarotti girato tra l’Italia e gli Stati Uniti. È già andato in onda su Rai 1 con ascolti record e contiene immagini e video esclusivi della sua vita fuori dalle scene tra le sue passioni quella della pittura, dell’arte culinaria il tutto condito dalla sua simpatia che ne facevano un personaggio unico nel suo genere.
Le anteprime al Teatro Antico
Le anteprime dei film al Taormina Film Fest saranno proiettate nelle serate in programma al Teatro Antico.
Sabato 24 giugno Lo Sposo Indeciso che non poteva (o forse non voleva) più uscire dal bagno, un’anteprima assoluta per la regia di Giorgio Amato. Tra gli interpreti Gianmarco Tognazzi, Ilenia Pastorelli, Stefano Pesce, Francesco Pannofino, Ornella Muti e Claudia Gerini.
Si tratta di una commedia che narra la storia un filosofo di fama internazionale e di una bellissima ragazza delle pulizie che, nonostante le enormi differenze sociali e culturali, decidono di sposarsi, inconsapevoli che sul loro amore incombe una terribile maledizione pronta a scatenarsi proprio il giorno delle nozze.
Domenica 25 giugno l’ultimo capitolo dell’iconico Indiana Jones, in anteprima italiana a Taormina. Indiana Jones e il Quadrante del Destino, è diretto da James Mangold e narra la nuova epica avventura dell’eroe archeologo.
Tra gli interpreti il sempre verde Harrison Ford, Mads Mikkelsen che saranno presenti alla proiezione, Phoebe Waller-Bridge, Antonio Banderas. Il film arriverà nelle sale italiane il 28 giugno.
Lunedì 26 giugno A Thousand And One, della regista A.V. Rockwell, alla sua prima europea. Il film è stato premiato al suo debutto al Sundance Film Festival. Protagonista assoluta la superstar musicale Teyana Taylor, nei panni di una donna libera e impenitente che rapisce il figlio di sei anni dal sistema di affidamento, per recuperare il senso di una casa, identità e stabilità con le difficoltà di una metropoli, New York, in rapido cambiamento.
Martedì 27 giugno una serata denominata Influential Shorts e curata da Bella Thorne, in cui saranno mostrati, i nuovi cortometraggi diretti da Bella Thorne (Paint Her Red), Nina Dobrev (The one), Khaby Lame, Jacqueline Fernandez, Amanda Cerny, Adriana Lima, Barbara Palvin e altri special guest a sorpresa. Ci stanno alcune dei più famosi talent e celebrities del mondo dei social media.
Mercoledì 28 giugno verrà proiettato il film Billie’s Magic World, per la regia di Francesco Cinquemani in prima visione. Si tratta di una favola per bambini che vede sul set i due fratelli Baldwin, con interpreti di eccezione, tra cui Mia McGovern Zaini, Elva Trill e Valeria Marini.
In seconda serata, arriva, sempre in prima assoluta Cattiva Coscienza, la nuova commedia di Davide Minnella. Il film, una produzione Italian International Film con Vision Distribution e Sky narra del confine tra Bene e Male, difficile da vedere, se c’è di mezzo l’amore. Nel cast Francesco Scianna, Filippo Scicchitano, Beatrice Grannò, Giovanni Esposito, Caterina Guzzanti e Drusilla Foer.
Tre novità cinematografiche
Giovedì 29 giugno saranno proiettate ben tre novità cinematografiche.
In prima europea il documentario Little Richard: I Am Everything della regista Lisa Cortès, che racconta della leggenda del rock n’ roll Little Richard. Attraverso numerose testimonianze e filmati di archivio, il documentario ripercorre, il mondo interiore di Richard e la sua vita ricca di contraddizioni.
In prima assoluta il Teatro Antico ospita I Peggiori Giorni di Edoardo Leo e Massimiliano Bruno. Si tratta di un film a episodi che prosegue l’idea di raccontare alcune delle occasioni festive che segnano le tradizioni e le vite degli italiani. Nel cast Edoardo Leo, Massimiliano Bruno, Fabrizio Bentivoglio, Giuseppe Battiston, Claudia Pandolfi, Anna Ferzetti, Neri Marcorè.
Le occasioni festive in cui i personaggi si dovranno cimentare saranno quelle di Natale, Primo maggio, Ferragosto e Halloween.
A seguire, Divinity che dal Sundance Festival approda al Festival di Taormina in prima europea. Si tratta di un visionario thriller fantascientifico dal look retrò diretto da Eddie Alcazar e prodotto da Steven Soderbergh. Nel cast Stephen Dorff, Bella Thorne, Karrueche Tran, Moises Arias, Emily Willis e Scott Bakula.
Divinity è un siero rivoluzionario creato da un magnate per cercare l’immortalità. Il figlio dello scienziato viene rapito da due fratelli che nel frattempo vengono sedotti da una donna e intraprendono un viaggio alla scoperta di se stessi.
Un’opera dall’approccio multi-tecnico in cui la narrazione visiva è un’esplorazione di territori cinematografici sconosciuti. Il regista Eddie Alcazar e gli attori Karrueche Tran e Moises Arias saranno presenti alla proiezione.
Venerdì 30 giugno, Jeanne Du Barry. La Favorita del Re, il biopic storico diretto e interpretato da Maïwennnella nella sua prima proiezione italiana.
Il film, ha aperto la 76esima edizione del Festival di Cannes, ed ha segnato il ritorno sul grande schermo di Johnny Depp nei panni di Luigi XV dopo la riabilitazione processuale dalle accuse di violenza della ex moglie.
La sinossi: Jeanne Vaubernier (Maïwenn), nata nel 1743 come figlia illegittima di una povera sarta, nonostante le sue umili origini, ha sempre avuto una forte predilezione per la cultura e, grazie alla sua intelligenza e al suo fascino, è riuscita a entrare nelle grazie di re Luigi XV, che ignora totalmente il suo status di cortigiana.
Il re la nomina sua amante ufficiale e le conferisce il titolo di contessa du Barry, ma non solo, perché la passionale storia d’amore tra i due porta Luigi XV a infrangere le regole del decoro, permettendo a Jeanne du Barry di trasferirsi a Versailles. Il trasferimento di Jeanne, però, non è ben visto dalla corte ma anzi porta a un vero e proprio scandalo.
Il film arriverà nelle sale italiane il prossimo 30 agosto.
Sabato 1 luglio sarà l’ultima serata del festival ed accoglierà l’evento speciale dedicato ai Nastri d’Argento con la premiazione al Teatro Antico de La stranezza di Roberto Andò,
I Giornalisti Cinematografici Italiani gli hanno assegnato il Nastro d’Argento per «Film dell’anno». Il premio andrà al regista Roberto Andò, anche sceneggiatore del film con Massimo Gaudioso e Ugo Chiti, ad Angelo Barbagallo (Bibi Fim) e Attilio De Razza (Tramp Limited) produttori con Paolo Del Brocco (Rai Cinema) e Giampaolo Letta (Medusa) e a un trio di interpreti eccezionali come Toni Servillo, Salvo Ficarra e Valentino Picone.
Con loro, sul palco del Teatro Antico ci sarà anche la Presidente dei Giornalisti cinematografici Laura Delli Colli a celebrare l’altissima qualità di un film che ha sancito il grande ritorno in sala del cinema italiano con un racconto originale che ha saputo dosare, con grande maestria, comicità e cultura con un riscontro di pubblico ben oltre ogni rosea previsione, cosa non facile nelle sale cinematografiche italiane.
Angela Alizzi
Il Taormina Film Festival è un importante manifestazione cinematografica organizzata dalla Fondazione Taormina Arte Sicilia, giunta ormai alla sua 69esima edizione. Si svolgerà dal 23 giugno al 1 luglio e vedrà, quest’anno, la co-direzione artistica firmata da Beatrice Venezi e Barrett Wissman che è anche direttore esecutivo del festival cinematografico.
Numerose saranno le première cinematografiche, le produzioni di spettacoli dal vivo e i vip in arrivo. Ma vediamoli insieme.
Il Gala Pavarotti Forever
Venerdì 23 giugno il Taormina Film Fest si aprirà con il Gala Pavarotti Forever. Il Gala è stato realizzato in collaborazione con la Fondazione Luciano Pavarotti, presieduta da Nicoletta Mantovani.
Sul palco, ad interpretare brani che hanno fatto la storia della musica, ci saranno colleghi e amici di Luciano Pavarotti mentre verranno proiettate anche immagini di backstage inedite. Placido Domingo, Marcelo Álvarez, Vittorio Grigolo, Aida Garifullina, Mario Biondi, Andrea Griminelli tra gli ospiti illustri.
Il soprano Giulia Mazzola, i tenori Giuseppe Infantino e Paolo Nevi, il baritono Ettore Lee tra gli ospiti che fanno parte di una nuova generazione di giovani artisti promossi e sostenuti dalla Fondazione Pavarotti. L’Orchestra Taormina Art Festival sarà diretta dal M.o Beatrice Venezi.
Sullo schermo del Teatro Antico, verrà poi proiettato il documentario di Leonardo Metalli, Voglio vivere così… e felice Canto! Si tratta di uno speciale su Pavarotti girato tra l’Italia e gli Stati Uniti. È già andato in onda su Rai 1 con ascolti record e contiene immagini e video esclusivi della sua vita fuori dalle scene tra le sue passioni quella della pittura, dell’arte culinaria il tutto condito dalla sua simpatia che ne facevano un personaggio unico nel suo genere.
Le anteprime al Teatro Antico
Le anteprime dei film al Taormina Film Fest saranno proiettate nelle serate in programma al Teatro Antico.
Sabato 24 giugno Lo Sposo Indeciso che non poteva (o forse non voleva) più uscire dal bagno, un’anteprima assoluta per la regia di Giorgio Amato. Tra gli interpreti Gianmarco Tognazzi, Ilenia Pastorelli, Stefano Pesce, Francesco Pannofino, Ornella Muti e Claudia Gerini.
Si tratta di una commedia che narra la storia un filosofo di fama internazionale e di una bellissima ragazza delle pulizie che, nonostante le enormi differenze sociali e culturali, decidono di sposarsi, inconsapevoli che sul loro amore incombe una terribile maledizione pronta a scatenarsi proprio il giorno delle nozze.
Domenica 25 giugno l’ultimo capitolo dell’iconico Indiana Jones, in anteprima italiana a Taormina. Indiana Jones e il Quadrante del Destino, è diretto da James Mangold e narra la nuova epica avventura dell’eroe archeologo.
Tra gli interpreti il sempre verde Harrison Ford, Mads Mikkelsen che saranno presenti alla proiezione, Phoebe Waller-Bridge, Antonio Banderas. Il film arriverà nelle sale italiane il 28 giugno.
Lunedì 26 giugno A Thousand And One, della regista A.V. Rockwell, alla sua prima europea. Il film è stato premiato al suo debutto al Sundance Film Festival. Protagonista assoluta la superstar musicale Teyana Taylor, nei panni di una donna libera e impenitente che rapisce il figlio di sei anni dal sistema di affidamento, per recuperare il senso di una casa, identità e stabilità con le difficoltà di una metropoli, New York, in rapido cambiamento.
Martedì 27 giugno una serata denominata Influential Shorts e curata da Bella Thorne, in cui saranno mostrati, i nuovi cortometraggi diretti da Bella Thorne (Paint Her Red), Nina Dobrev (The one), Khaby Lame, Jacqueline Fernandez, Amanda Cerny, Adriana Lima, Barbara Palvin e altri special guest a sorpresa. Ci stanno alcune dei più famosi talent e celebrities del mondo dei social media.
Mercoledì 28 giugno verrà proiettato il film Billie’s Magic World, per la regia di Francesco Cinquemani in prima visione. Si tratta di una favola per bambini che vede sul set i due fratelli Baldwin, con interpreti di eccezione, tra cui Mia McGovern Zaini, Elva Trill e Valeria Marini.
In seconda serata, arriva, sempre in prima assoluta Cattiva Coscienza, la nuova commedia di Davide Minnella. Il film, una produzione Italian International Film con Vision Distribution e Sky narra del confine tra Bene e Male, difficile da vedere, se c’è di mezzo l’amore. Nel cast Francesco Scianna, Filippo Scicchitano, Beatrice Grannò, Giovanni Esposito, Caterina Guzzanti e Drusilla Foer.
Tre novità cinematografiche
Giovedì 29 giugno saranno proiettate ben tre novità cinematografiche.
In prima europea il documentario Little Richard: I Am Everything della regista Lisa Cortès, che racconta della leggenda del rock n’ roll Little Richard. Attraverso numerose testimonianze e filmati di archivio, il documentario ripercorre, il mondo interiore di Richard e la sua vita ricca di contraddizioni.
In prima assoluta il Teatro Antico ospita I Peggiori Giorni di Edoardo Leo e Massimiliano Bruno. Si tratta di un film a episodi che prosegue l’idea di raccontare alcune delle occasioni festive che segnano le tradizioni e le vite degli italiani. Nel cast Edoardo Leo, Massimiliano Bruno, Fabrizio Bentivoglio, Giuseppe Battiston, Claudia Pandolfi, Anna Ferzetti, Neri Marcorè.
Le occasioni festive in cui i personaggi si dovranno cimentare saranno quelle di Natale, Primo maggio, Ferragosto e Halloween.
A seguire, Divinity che dal Sundance Festival approda al Festival di Taormina in prima europea. Si tratta di un visionario thriller fantascientifico dal look retrò diretto da Eddie Alcazar e prodotto da Steven Soderbergh. Nel cast Stephen Dorff, Bella Thorne, Karrueche Tran, Moises Arias, Emily Willis e Scott Bakula.
Divinity è un siero rivoluzionario creato da un magnate per cercare l’immortalità. Il figlio dello scienziato viene rapito da due fratelli che nel frattempo vengono sedotti da una donna e intraprendono un viaggio alla scoperta di se stessi.
Un’opera dall’approccio multi-tecnico in cui la narrazione visiva è un’esplorazione di territori cinematografici sconosciuti. Il regista Eddie Alcazar e gli attori Karrueche Tran e Moises Arias saranno presenti alla proiezione.
Venerdì 30 giugno, Jeanne Du Barry. La Favorita del Re, il biopic storico diretto e interpretato da Maïwennnella nella sua prima proiezione italiana.
Il film, ha aperto la 76esima edizione del Festival di Cannes, ed ha segnato il ritorno sul grande schermo di Johnny Depp nei panni di Luigi XV dopo la riabilitazione processuale dalle accuse di violenza della ex moglie.
La sinossi: Jeanne Vaubernier (Maïwenn), nata nel 1743 come figlia illegittima di una povera sarta, nonostante le sue umili origini, ha sempre avuto una forte predilezione per la cultura e, grazie alla sua intelligenza e al suo fascino, è riuscita a entrare nelle grazie di re Luigi XV, che ignora totalmente il suo status di cortigiana.
Il re la nomina sua amante ufficiale e le conferisce il titolo di contessa du Barry, ma non solo, perché la passionale storia d’amore tra i due porta Luigi XV a infrangere le regole del decoro, permettendo a Jeanne du Barry di trasferirsi a Versailles. Il trasferimento di Jeanne, però, non è ben visto dalla corte ma anzi porta a un vero e proprio scandalo.
Il film arriverà nelle sale italiane il prossimo 30 agosto.
Sabato 1 luglio sarà l’ultima serata del festival ed accoglierà l’evento speciale dedicato ai Nastri d’Argento con la premiazione al Teatro Antico de La stranezza di Roberto Andò,
I Giornalisti Cinematografici Italiani gli hanno assegnato il Nastro d’Argento per «Film dell’anno». Il premio andrà al regista Roberto Andò, anche sceneggiatore del film con Massimo Gaudioso e Ugo Chiti, ad Angelo Barbagallo (Bibi Fim) e Attilio De Razza (Tramp Limited) produttori con Paolo Del Brocco (Rai Cinema) e Giampaolo Letta (Medusa) e a un trio di interpreti eccezionali come Toni Servillo, Salvo Ficarra e Valentino Picone.
Con loro, sul palco del Teatro Antico ci sarà anche la Presidente dei Giornalisti cinematografici Laura Delli Colli a celebrare l’altissima qualità di un film che ha sancito il grande ritorno in sala del cinema italiano con un racconto originale che ha saputo dosare, con grande maestria, comicità e cultura con un riscontro di pubblico ben oltre ogni rosea previsione, cosa non facile nelle sale cinematografiche italiane.
Angela Alizzi

I vincitori dei Nastri d'Argento Grandi Serie 2023

Il successo di «Mare fuori»
e delle altre serie campane

I vincitori dei Nastri d’Argento 2023 per le Grandi Serie di impostazione cinematografica. È la Campania il set delle più importanti e seguite serie in onda sulle grandi reti e sulle più importanti piattaforme.