Un’imprudenza umana scatena
una nuova caccia all’Orso

Un uomo sbucato improvvisamente di fronte a mamma orsa e ai suoi cuccioli viene attaccato e ferito in maniera non grave dall’animale. Ma è quanto basta per fare invocare nuovamente lo sterminio dei plantigradi.

Il 27 luglio a Francavilla al Mare lo scrittore Paolo Di Paolo rilegge Gustave Flaubert. Nella foto: Edouard Manet, Nel Conservatorio, (1878-9) Alte Nationalgalerie, Berlino

Paolo Di Paolo rilegge
Gustave Flaubert

L’«Educazione sentimentale» di Gustave Flaubert illustrata il 27 luglio dallo scrittore Paolo di Paolo nell’ambito della rassegna «Ti presento un classico» in corso a Francavilla al Mare. Appuntamento alle ore 19 alla libreria Mondadori.

Prove tecniche
di American Civil War

L’attentato a Trump ha squarciato il velo sulla fragilità della democrazia americana. Se l’antagonista diventa il bersaglio da demonizzare i conflitti non restano confinati nell’«agone» elettorale. Un fallimento dei fondamentali liberali.

Shannen Doherty e Luke Perry indimenticabili protagonisti della serie tv Beverly Hills 90210

Brenda ha raggiunto il suo Dylan

Dopo una lunga malattia è scomparsa a 53 anni Shannen Doherty, protagonista in coppia con Luke Perry della fortunata serie tv degli anni Novanta «Beverly Hills 90210». L’impegno sociale e la lotta contro il cancro.Tra i nomi e i volti che hanno segnato la giovinezza/adolescenza di milioni di telespettatori, spiccano con prepotenza quelli di Shannen Doherty e Luke Perry, che hanno interpretato gli adolescenti Brenda e Dylan, la coppia liceale della fortunata serie tv «Beverly Hills 90210».
Dopo aver dovuto salutare Luke a soli 52 anni per un ictus, fa male dover salutare anche Shannen, a soli 53 anni, per un cancro maledetto che se l’è portata via. Shannen Doherty ha lottato contro la malattina come una vera guerriera per nove lunghissimi anni ma alla fine se n’è andata, gettando nella malinconia tutti gli adolescenti degli anni ’90, per cui è stata una vera icona non solo per aver dato vita al personaggio indimenticabile di Brenda ma anche per il suo impegno ambientalista e il coraggio con cui ha affrontato la sua malattia.
Un’attrice impegnata nel sociale
Oltre alla carriera da attrice Shannen Doherty ha sempre portato avanti il suo impegno ambientalista e il suo sostegno ad organizzazioni animaliste appoggiando campagne contro il consumismo di carne di cani e gatti e la produzione di pellicce.
Un attivismo che non si era interrotto neanche davanti alla scoperta nel 2015di un tumore al seno, anzi documentando la sua malattia non solo ha trovato la forza per affrontarla ma ha anche sensibilizzato il pubblico sull’argomento, aiutando le donne che vivevano la sua stessa condizione.
La coraggiosa reazione al tumore
«Avere un tumore non significa che la tua vita è finita. Sto cercando di vivere al meglio che posso, mi piacerebbe essere un esempio in questo momento» diceva. «Posso morire oggi, posso morire tra 20 anni, non lo so. Posso morire camminando fuori casa e un albero che mi cade addosso o un autobus che mi colpisce, qualunque cosa. Oppure posso morire di cancro. Ma tutto quello che posso fare è vivere ogni giorno nel modo più positivo possibile, con la speranza che posso, abbracciarla e pensare: Wow, oggi mi sveglierò di nuovo, cosa posso fare?».
Dopo due anni in cui sembrava che le cure stessero facendo effetto nel 2019 la sua situazione si è nuovamente aggravata quando ha scoperto che le metastasi erano arrivate al cervello ma nemmeno questa ricaduta ha fermato la grande forza di Shannen che ha continuato a portare avanti le sue battaglie con il sostegno della famiglia e degli amici di sempre.
L’esordio ne «La casa nella prateria»
Era nata a Memphis nel 1971, Shannen, e si era avvicinata alla recitazione da bambina esordendo nella serie «La casa nella prateria» quando aveva solo 11 anni. Dopo diversi ruoli tra cinema e tv, nel 1991 aveva raggiunto il grande pubblico vestendo i panni di Brenda Walsh, la ragazza della porta accanto che fece innamorare milioni di teenager nella serie tv Beverly Hills 90201.
Era il 19 novembre del 1992. Molti stavano attraversando la preadolescenza o l’adolescenza. Era un giovedì sera come tutti glia altri e in Italia veniva trasmessa la prima puntata di Beverly Hills 90210 e nessuno sapeva ancora che cosa avrebbe potuto rappresentare per loro quella serie tv nel tempo.
Quella brunetta era lì in mezzo a tutti quegli scatoloni, a tutti quei vestiti buttati per aria alla rinfusa, alla ricerca disperata di qualcosa di adatto al primo giorno di liceo.
Un’ora davanti allo specchio, consigli chiesti al gemello Brandon ancora sonnolento, ansie confessate a mamma Cindy per poi concludere dicendo: «Non ho vestiti». È la frase quotidiana di milioni di adolescenti che si sono riconosciute subito in quella sua incertezza e in quel desiderio di non sfigurare proprio il primo giorno di scuola.
Alla fine Brenda sceglie cosa indossare, jeans e maglietta bianca, con una camicia aperta. E al diavolo tutte le incertezze, esce con il fratello Brandon per affrontare il primo giorno di liceo alla conquista (e perché no?) anche del più figo della scuola che assomiglia a James Dean. Brenda Walsh, da dentro a quel piccolo schermo, ci ha fatto credere che potevamo essere davvero chi volevamo essere, anche se non eravamo bionde, ricche, alte e magre alla Kelly Taylor. E potevamo riuscirci, tutte, nessuno esclusa.
La scomparsa di Luke Perry
«Ricevere la diagnosi e poi perdere qualcuno che amavo e che stava bene per me è stato straniante, surreale» ha dichiarato Shannen quando, con i compagni di Beverly Hills, ha condiviso il dolore per la perdita improvvisa di Luke Perry suo grande amico e il suo amore nella serie, scomparso a causa di un ictus. Sappiamo che con Luke c’erano stati alti e bassi, momenti a forte intensità come del resto erano loro sugli schermi, ma che alla fine si erano ritrovati.
E ci piace immaginarli così, il filo che si ricollega tra loro nel modo più tragico e inaspettato, saperli insieme… sapere Shannen finalmente libera dal dolore della malattia… quella malattia che ha mostrato a tutti come esempio di resilienza perché neanche di fronte a un tumore si deve perdere la voglia di vivere.
«Non ho finito di vivere. Non ho finito di amare. Non ho finito di creare. Non ho ancora finito di sperare di cambiare le cose in meglio. Semplicemente non ho finito», le sue parole, lo scorso novembre.
Ed è proprio così Shannen non hai finito di creare sogni, non hai finito di prodigare amore, non hai finito di cambiare le cose in meglio, non hai finito di vivere. Tra i nostri ricordi più belli ci sarete sempre tu e Luke, vi ricorderemo così, insieme, come Brenda e Dylan, e riandremo con nostalgia agli anni in cui ci avete fatto sognare.
Angela Alizzi
Tra i nomi e i volti che hanno segnato la giovinezza/adolescenza di milioni di telespettatori, spiccano con prepotenza quelli di Shannen Doherty e Luke Perry, che hanno interpretato gli adolescenti Brenda e Dylan, la coppia liceale della fortunata serie tv «Beverly Hills 90210».
Dopo aver dovuto salutare Luke a soli 52 anni per un ictus, fa male dover salutare anche Shannen, a soli 53 anni, per un cancro maledetto che se l’è portata via. Shannen Doherty ha lottato contro la malattina come una vera guerriera per nove lunghissimi anni ma alla fine se n’è andata, gettando nella malinconia tutti gli adolescenti degli anni ’90, per cui è stata una vera icona non solo per aver dato vita al personaggio indimenticabile di Brenda ma anche per il suo impegno ambientalista e il coraggio con cui ha affrontato la sua malattia.
Un’attrice impegnata nel sociale
Oltre alla carriera da attrice Shannen Doherty ha sempre portato avanti il suo impegno ambientalista e il suo sostegno ad organizzazioni animaliste appoggiando campagne contro il consumismo di carne di cani e gatti e la produzione di pellicce.
Un attivismo che non si era interrotto neanche davanti alla scoperta nel 2015di un tumore al seno, anzi documentando la sua malattia non solo ha trovato la forza per affrontarla ma ha anche sensibilizzato il pubblico sull’argomento, aiutando le donne che vivevano la sua stessa condizione.
La coraggiosa reazione al tumore
«Avere un tumore non significa che la tua vita è finita. Sto cercando di vivere al meglio che posso, mi piacerebbe essere un esempio in questo momento» diceva. «Posso morire oggi, posso morire tra 20 anni, non lo so. Posso morire camminando fuori casa e un albero che mi cade addosso o un autobus che mi colpisce, qualunque cosa. Oppure posso morire di cancro. Ma tutto quello che posso fare è vivere ogni giorno nel modo più positivo possibile, con la speranza che posso, abbracciarla e pensare: Wow, oggi mi sveglierò di nuovo, cosa posso fare?».
Dopo due anni in cui sembrava che le cure stessero facendo effetto nel 2019 la sua situazione si è nuovamente aggravata quando ha scoperto che le metastasi erano arrivate al cervello ma nemmeno questa ricaduta ha fermato la grande forza di Shannen che ha continuato a portare avanti le sue battaglie con il sostegno della famiglia e degli amici di sempre.
L’esordio ne «La casa nella prateria»
Era nata a Memphis nel 1971, Shannen, e si era avvicinata alla recitazione da bambina esordendo nella serie «La casa nella prateria» quando aveva solo 11 anni. Dopo diversi ruoli tra cinema e tv, nel 1991 aveva raggiunto il grande pubblico vestendo i panni di Brenda Walsh, la ragazza della porta accanto che fece innamorare milioni di teenager nella serie tv Beverly Hills 90201.
Era il 19 novembre del 1992. Molti stavano attraversando la preadolescenza o l’adolescenza. Era un giovedì sera come tutti glia altri e in Italia veniva trasmessa la prima puntata di Beverly Hills 90210 e nessuno sapeva ancora che cosa avrebbe potuto rappresentare per loro quella serie tv nel tempo.
Quella brunetta era lì in mezzo a tutti quegli scatoloni, a tutti quei vestiti buttati per aria alla rinfusa, alla ricerca disperata di qualcosa di adatto al primo giorno di liceo.
Un’ora davanti allo specchio, consigli chiesti al gemello Brandon ancora sonnolento, ansie confessate a mamma Cindy per poi concludere dicendo: «Non ho vestiti». È la frase quotidiana di milioni di adolescenti che si sono riconosciute subito in quella sua incertezza e in quel desiderio di non sfigurare proprio il primo giorno di scuola.
Alla fine Brenda sceglie cosa indossare, jeans e maglietta bianca, con una camicia aperta. E al diavolo tutte le incertezze, esce con il fratello Brandon per affrontare il primo giorno di liceo alla conquista (e perché no?) anche del più figo della scuola che assomiglia a James Dean. Brenda Walsh, da dentro a quel piccolo schermo, ci ha fatto credere che potevamo essere davvero chi volevamo essere, anche se non eravamo bionde, ricche, alte e magre alla Kelly Taylor. E potevamo riuscirci, tutte, nessuno esclusa.
La scomparsa di Luke Perry
«Ricevere la diagnosi e poi perdere qualcuno che amavo e che stava bene per me è stato straniante, surreale» ha dichiarato Shannen quando, con i compagni di Beverly Hills, ha condiviso il dolore per la perdita improvvisa di Luke Perry suo grande amico e il suo amore nella serie, scomparso a causa di un ictus. Sappiamo che con Luke c’erano stati alti e bassi, momenti a forte intensità come del resto erano loro sugli schermi, ma che alla fine si erano ritrovati.
E ci piace immaginarli così, il filo che si ricollega tra loro nel modo più tragico e inaspettato, saperli insieme… sapere Shannen finalmente libera dal dolore della malattia… quella malattia che ha mostrato a tutti come esempio di resilienza perché neanche di fronte a un tumore si deve perdere la voglia di vivere.
«Non ho finito di vivere. Non ho finito di amare. Non ho finito di creare. Non ho ancora finito di sperare di cambiare le cose in meglio. Semplicemente non ho finito», le sue parole, lo scorso novembre.
Ed è proprio così Shannen non hai finito di creare sogni, non hai finito di prodigare amore, non hai finito di cambiare le cose in meglio, non hai finito di vivere. Tra i nostri ricordi più belli ci sarete sempre tu e Luke, vi ricorderemo così, insieme, come Brenda e Dylan, e riandremo con nostalgia agli anni in cui ci avete fatto sognare.
Angela Alizzi

Il 22 luglio alle ore 20.45, l'impresa Unaltroteatro di Lorenza Sorino ed Arturo Scognamiglio, porta in scena «Back to the real world», lo spettacolo conclusivo del corso della UT Factory presso il Cinema Auditorium Zambra di Ortona.

«Back to the real world»
il gran finale della Ut Factory

Il 22 luglio alle ore 20.45, l’impresa Unaltroteatro di Lorenza Sorino ed Arturo Scognamiglio, porta in scena «Back to the real world», lo spettacolo conclusivo del corso della UT Factory presso il Cinema Auditorium Zambra di Ortona.

La popolazione mondiale nei dati del rapporto World Population Prospects 2024 pubblicato dalle Nazioni Unite

Come cambia la popolazione
nel mondo dove «tutti contano»

I dati sulla crescita e la contrazione della popolazione mondiale contenuti nel rapporto 2024 delle Nazioni Unite, confermano la disparità esistente nelle diverse aree geografiche. Il riconoscimento della salute riproduttiva.

Una recente indagine sancisce che otto italiani su dieci si auspicano che anche nel nostro paese venga introdotta la settimana lavorativa corta.

L’irresistibile fascino
della settimana corta

Una recente indagine sancisce che otto italiani su dieci si auspicano che anche nel nostro paese venga introdotta la settimana lavorativa corta. II confronto con l’Europa e le aziende che già la praticano. Solo la Grecia in controtendenza.

La squadra di Calcio femminile Hell Valley, radicata nel quartiere Aurelio di Roma

I successi delle ragazze
della Hell Valley

Dopo aver dominato il Campionato di C5 Femminile U13 della Regione Lazio, la Hell Valley è entrata nella Classifica nazionale delle migliori squadre di Calcio Femminile per a stagione 2023-2024. Il radicamento nel quartiere Aurelio.

Castro Pretorio
e suoi tesori

L’odierno rione Castro Pretorio deve il suo nome dalla caserma dei pretoriani, la guardia del corpo dell’imperatore, situata presso le antiche mura serviane ai limiti dell’urbe. Le Terme di Diocleziano, Porta Pia e i Ministeri.

Dopo il rinnovo del Contratto di lavoro dell’Agenzia Invitalia è stato siglato il 9 luglio dall’Ugl Credito il Ccnl del Credito Cooperativo. L’intesa contiene soddisfacenti incrementi economici e previsioni normative innovative.

Rinnovati i Contratti delle Bbc
e dell’Agenzia Invitalia

Dopo il rinnovo del Contratto di lavoro dell’Agenzia Invitalia, il 9 luglio è stato siglato dall’Ugl Credito il Ccnl del Credito Cooperativo. L’intesa contiene soddisfacenti incrementi economici e previsioni normative innovative.

Elezioni politiche francesi. I numeri del nuovo Parlamento

Per Macron e Mélenchon
una «vittoria di Pirro»?

Dopo sbornia del risultato del ballottaggio per il presidente Emmanuel Macron e il leader del Nouveau Front Populaire Jean-Luc Mélenchon c’è il brusco risveglio del conteggio dei seggi. Come cambiano i numeri dell’Assemblea Nazionale.

Elezioni in Francia. Con l’espediente della desistenza, il presidente Macron e le forze di sinistra riunite nel cartello elettorale del Nouveau Front Populaire sono riusciti a sbarrare il passo al Rassemblement National di Marine Le Pen

La coalizione degli struzzi
si afferma in Francia

Con l’espediente della desistenza, il presidente Macron e le forze di sinistra riunite nel Nouveau Front Populaire sono riusciti a impedire che il Rassemblement National di Marine Le Pen si proiettasse al governo della Francia.

Lo youtuber Simone Cicalone (a sinistra nella foto) documenta gli episodi di microcriminalità che avvengono sui mezzi pubblici della Capitale e subito Fanpage e Cgil lo mettono all’indice. A Landini e compagni la telecamera fa più paura della criminalità.

Chi ha paura della telecamera
di Simone Cicalone

Lo youtuber Simone Cicalone documenta gli episodi di microcriminalità che avvengono sui mezzi pubblici della Capitale e subito Fanpage e Cgil lo mettono all’indice. A Landini e compagni la telecamera fa più paura della criminalità.

«Giustizia per Rajá» chiedono i residenti del quartiere Roma 2 di Pomezia. La gatta è stata ridotta in fin da ignoti teppisti. Per la sicurezza della zona è necessaria l’installazione di telecamere.

Una fiaccolata
per la gatta Raiá

«Giustizia per Rajá» chiedono i residenti del quartiere Roma 2 di Pomezia. La gatta è stata ridotta in fin di vita da ignoti teppisti. Per la sicurezza della zona è necessaria l’installazione di telecamere.

In viaggio alla scoperta
dell’altra Europa

Beda Romano con «Dal Baltico al Mar Nero», edito da Il Mulino, ci conduce alla scoperta delle undici Nazioni dell’Europa centro-orientale che, una volta libere dal giogo sovietico, si sono affrettate ad entrare nella Ue.

Pur di non far raggiungere al Rassemblement National la maggioranza assoluta dei seggi in Parlamento, i liberisti di Renaissance e l’estrema sinistra di France Insoumise si sono stretti in un innaturale abbraccio. Nell foto il giovane leader Jordan Bardella circondato da sostenitori e fotografi

Macron e Mélenchon abbracciati
contro Jordan Bardella

Pur di non far raggiungere al Rassemblement National la maggioranza assoluta dei seggi in Parlamento, i liberisti di Renaissance e l’estrema sinistra di France Insoumise si sono stretti in un innaturale abbraccio.

Il 7 luglio al Cinema Auditorium Zambra di Ortona sarà in scena lo spettacolo immersivo «Van Gogh, la sedia sulla soglia»: un viaggio di 40 minuti tra foyer, sala e palco da ascoltare come in una «silent disco».

Van Gogh,
la sedia sulla soglia

Il 7 luglio al Cinema Auditorium Zambra di Ortona sarà in scena lo spettacolo immersivo di Franco Sciusco «Van Gogh, la sedia sulla soglia»: un viaggio di 40 minuti tra foyer, sala e palco da ascoltare come in una «silent disco».

Le insospettabili allucinazioni
dell’Intelligenza Artificiale

In determinate situazioni l’algoritmo dei software basati sull’Intelligenza Artificiale generativa può produrre forme di «fantasia» estrema paragona-bili alle allucinazioni originate dalla mente umana. Un terreno rischioso e ancora inesplorato.

Giorgia Meloni fa chiarezza dopo le polemiche per Fanpage 2

La lettera di Giorgia Meloni
ai dirigenti di Fdi

Mentre crescono le strumentalizzazioni seguite alla seconda puntata della pseudo inchiesta di Fanpage, la premier scrive una lettera ai dirigenti di Fdi contenente una chiara messa a punto identitaria.

Gaetano Lolli, Il cerchio dell'acqua, Leonida Editore. La Foto: Lac Fucino et les montagnes des Abruzzes, Jean-Joseph-Xavier Bidauld (1789, Metropolitan Museum of Art)

Il cerchio dell’acqua,
la storia millenaria del Fucino

Doppia presentazione per il romanzo di Gaetano Lolli «Il cerchio dell’acqua» nei locali della Società Operaia di Mutuo Soccorso. Venerdì 5 luglio alle ore 18.30 a Spoltore e domenica 7 luglio alle ore 17 ad Avezzano.

Sardegna. Le località marittime di Chia e Nora. Nella foto la spieggia di Chia

Due tesori sardi
tra mare ed archeologia

Chia e Nora, due località marittime in provincia di Cagliari. Vestigia antiche e belle spiagge con un mare cristallino. La torre spagnola di Chia e il parco archeologico di Nora

I leader dei 27 paesi dell’Unione Europea. Nella foto ricordo del Consiglio Ue del 27 giugno con il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj

Gli incarichi di vertice
escludono l’Italia. Per ora

I nuovi incarichi di vertice della Ue sono stati definiti in tutta fretta, con una procedura che nel metodo e nel merito non è piaciuta al Governo italiano. Ignorate le indicazioni di cambiamento emerse dai risultati elettorali.

Julian Assange, finalmente libero, circondato dai fotografi. Aveva rivelato al mondo le violazioni dei diritti umani perpetrata dal Governo Usa sia verso la popolazione domestica sia in teatri di guerra.

Torna libero l’uomo simbolo
della libertà di espressione

Julian Assange è finalmente libero. Aveva rivelato al mondo le violazioni dei diritti umani perpetrata dal Governo Usa sia verso la popolazione domestica sia in teatri di guerra. Ora potrà tornare nella natia Australia.

Il Garante della privacy irroga una sezione da 6,4 milioni di euro a Eni Plenitude per Telemarketing selvaggio.

Multa di 6,4 mln ad Eni Plenitude
per Telemarketing selvaggio

Il Garante della privacy multa ha sanzionato il Telemarking messo in atto da Eni Plenitude con una multa di 6,4 milioni di euro. Dei 747 contratti presi esame 657 sono risultati illeciti. Occorre accrescere la tutela degli utenti.